Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Trib. di Trento. La mamma guadagna solo 500 euro al mese, sottratto il figlio dopo il parto

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Trib. di Trento. La mamma guadagna solo 500 euro al mese, sottratto il figlio dopo il parto

21/07/2010 - 10.52

Agghiacciante episodio di malagiustizia minorile a Trento, dove il Tribunale per i minorenni, in esecuzione di una procedura di adottabilità effettuata con modalità quanto meno discutibili, ha sottratto il figlio appena nato ad una giovane madre in difficoltà economiche.

Il caso è stato reso noto oggi dallo psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Raspadori, consulente tecnico di parte del Tribunale, che in una conferenza stampa ha criticato il meccanismo con cui i giudici dei minori applicano la sospensione della potestà genitoriale. "La giovane, senza problemi di tossicodipendenza e con un reddito mensile di 500 euro, aveva scelto di tenere il figlio chiedendo un affido condiviso per il bimbo che momentaneamente non era in grado di mantenere" ha detto il dottor Raspadori. "A questo punto però il Tribunale, senza interpellarla, ha dato avvio alla procedura di adottabilità, levandole il figlio alla nascita".

Come accade in tutti i tribunali minorili, solo dopo un mese, la giovane si è potuta incontrare con il giudice, il quale ha deciso di avviare una perizia sulle 'capacità genitorialì della madre. "Una beffa, perchè in questo modo la ragazza, cui è stato sottratto il diritto di essere madre dal primo momento, rivedrà il proprio figlio solo dopo otto mesi, con buona pace della fase primaria dell'attaccamento e della giustizia per il minore" ha concluso Raspadori.

Molti sono gli interrogativi che un fatto del genere scatena nell'opinione pubblica e tra gli addetti ai lavori. Non si comprende come le decisioni di un giudice possano arrivare ad un livello così basso di moralità ed etica. E' un caso che farà discutere ancora più degli altri, perchè questa volta a ribellarsi è un professionista (lo psicologo, CTU), generalmente considerato organico al "sistema" giudiziario in materia di minori e adozioni, che ha sollevato il caso. 


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 2536 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione...

01/07/2017 - 13:59
Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Che l’affido condiviso non sia sempre la soluzione migliore lo dice la legge, non serve che si svegli...

31/05/2017 - 14:51
Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Assegno divorzile, non conta il tenore di vita. Intervista commentata a Lisa Lowenstein (che ha perso la causa)

Assegno divorzile, non conta il tenore di vita. Intervista commentata a Lisa Lowenstein (che ha perso la causa)

ANFI dissente sul comunicato AIAF: i minori non hanno un unico habitat domestico

In sostanza, il comunicato stampa dell’AIAF imputa alle linee guida del Tribunale di Brindisi, tre...

13/03/2017 - 12:06
ANFI dissente sul comunicato AIAF: i minori non hanno un unico habitat domestico

AIAF e le linee guida del tribunale di Brindisi. Come anatre in riva al lago - di Alessio Cardinale

Una buona iniziativa, di solito, fa la differenza, sopratutto in un ambiente dove l'assenza di fatti...

11/03/2017 - 15:53
AIAF e le linee guida del tribunale di Brindisi. Come anatre in riva al lago - di Alessio Cardinale

Francia: Hollande clemente con le donne che si fanno giustizia da sole. A quando in Italia?

Prosegue il filone Bobbit

Nel 1993 Lorena è divenuta simbolo della...

29/12/2016 - 17:50
Francia: Hollande clemente con le donne che si fanno giustizia da sole. A quando in Italia?


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


13.34  di domenica 12/09/2010
scritto da  gianluca viaggi - bologna
sperando che basti l´interessamento dei media
mi auguro che gli organi competenti trovino
il modo di uscirne da questa situazione,
l´importante che nessuno metta in dubbio mai
che questa madre sara la madre dei suoi figli

11.52  di mercoledì 21/07/2010
scritto da  alessandro
I nomi, pubblicate sul sito i nomi dei giudici che hanno formulato il provvedimento! Vogliamo i nomi, in modo tale che i cittadini di Trento, se si dovessero trovare di fronte quei giudici, li possano subito contestare! I nomi coi cognomi!


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2017 - Codice Fiscale: 97611760584