Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Il Mobbing nel rapporto genitoriale - di Sara Pezzuolo

Area Tecnica


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Il Mobbing nel rapporto genitoriale - di Sara Pezzuolo

16/07/2010 - 12.40

Nonostante spesso si faccia riferimento, con il termine mobbing, a vessazioni poste in essere sul posto di lavoro, possiamo allargare tale concetto anche al contesto familiare. Concordo, infatti, con la cerchia degli studiosi che, partendo dal significato etimologico del temine, ne ravvedono somiglianze tra ciò che accade nel posto di lavoro come azione mobbizzante e ciò che accade nell’ambiente familiare nei casi di separazione.

Come sappiamo il mobbing consiste in un “rendere la vita impossibile all’altro” e pertanto, una tale situazione non infrequentemente si riscontra nei casi di separazione e divorzio.

Secondo G. Giordano, il mobbing genitoriale “consta dell’adozione da parte di un genitore, separato o in via di separazione dall’altro genitore, di comportamenti aggressivi preordinati e/o comunque finalizzati ad impedire all’altro genitore, attraverso il terrore psicologico, l’umiliazione e il discreto familiari, sociali, legali, l’esercizio della propria genitorialità, svilendo e/o distruggendo la sua relazione con i figli, impedendogli di esprimerla socialmente e legalmente, intromettendosi nella sua vita privata”.

Tra le categorie che servono per discriminare il mobbing familiare due appartengono all’estrinsecazione della propria genitorialità:

  • Mobbizzazione della relazione genitore-figlio;
  • Mobizzazione dell’esprimersi sociale e legale della genitorialità;

Le azioni poste in essere sono quindi: sabotaggi delle frequentazioni con il figlio, esclusione dai processi decisionali che riguardano il minore (tipo scuola, visite mediche etc.,) minacce, campagna di denigrazione e delegittimazione familiare e sociale, mettere in giro voci diffamatorie sul conto del genitore mobbizzato, farlo oggetto di denunce e aggressioni legali varie etc..

Una sentenza in tema di mobbing genitoriale è quella della Corte di Appello di Torino del 21 febbraio 2001, nella quale si legge “I comportamenti dello S. (il marito) erano irriguardosi e di non riconoscimento della partner: lo S. additava ai parenti ed amici la moglie come persona rifiutata e non riconosciuta, sia come compagna che sul piano della gradevolezza estetica, esternando anche valutazioni negative sulle modeste condizioni economiche della sua famiglia d’origine offendendola non solo in privato ma anche davanti agli amici, affermando pubblicamente che avrebbe voluto una donna diversa e assumendo nei suoi confronti atteggiamenti sprezzanti ed espulsivi, con i quali la invitava ripetutamente ed espressamente ad andarsene di casa” e che “al rifiuto, da parte del marito, di ogni cooperazione, accompagnato dalla esternazione reiterata di giudizi offensivi, ingiustamente denigratori e svalutanti nell’ambito del nucleo parentale ed amicale, nonché delle insistenti pressioni – fenomeno ormai internazionalmente noto come mobbing – con cui lo S. invitava reiteratamente la moglie ad andarsene”, la Corte conclude che al marito “deve essere ascritta la responsabilità esclusiva della separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri (diversi da quelli di ordine patrimoniale) che derivano dal matrimonio, in particolare modo al dovere di correttezza e fedeltà”.

In qualche modo possiamo dire che il mobbing genitoriale è l’anticamera per lo sviluppo della P.A.S. od ancora che la PAS sia il grado estremo della realizzazione del mobbing genitoriale.

Come ben sappiamo la PAS arriva a distruggere totalmente il rapporto padre-figli:

“Sul futuro del minore alienato pende poi il rischio di andare incontro a gravi disagi psicologico e/o comportamentali socialmente devianti specie se si considera che il genitore più frequentemente alienato è il padre, e che le statistiche sul disagio giovanile sono, al proposito, eloquenti. Non ha avuto contatti significativi con il padre: il 63% dei giovani suicidi, l’85% dei detenuti per lunga condanna, l 72% dei giovani omicidi, il 60% degli uomini condannati per violenza carnale, il 70% dei detenuti per lunghe condanne pure, il 90% dei “senza fissa dimora”, il 70% dei giovani avviati ai riformatori.  Figli che vivono in assenza di contatti con il padre, hanno un rischio quaranta volte più alto, rispetto a quelli vissuti con il padre, di essere vittime di abuso sessuali, il 69% dei bambini abusati è vissuto senza contatti significativi con il padre; i “fatherless” costituiscono, infine, la categoria più rappresentata tra i depressi (dati governativi statunitensi, raccolti da Claudio Risè nel libro “Il padre assente l’inaccettabile”[1]).



[1]Fonte www.psychomedia.itContributo di G. Giordano;

Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 5021 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


DDL Pillon e mantenimento dei figli: chiariamo un pò di cose. Di Francesco Toesca

Il tentativo di intervenire sulla misapplicazione della Legge 54/2006 si scontra con un tipo, e uno solo, di...

15/09/2018 - 17:00
DDL Pillon e mantenimento dei figli: chiariamo un pò di cose. Di Francesco Toesca

PdL 4377, un passo indietro verso la legittimazione del genitore prevalente

Nonostante l'inerzia del Parlamento che persevera nel non voler calendarizzare i progetti di...

01/09/2017 - 12:42
PdL 4377, un passo indietro verso la legittimazione del genitore prevalente

Come nel Medio Evo, la Cassazione inventa la Judge Class Preference

di FABIO NESTOLA - Sembra essere tornata di moda la Maternal Preference. Torna sempre, seguendo...

17/10/2016 - 12:00
Come nel Medio Evo, la Cassazione inventa la Judge Class Preference

Ecco il motivo per cui non metto la mia firma per Linda Sabbadini

di GIACOMO ROTOLI* - E' di qualche giorno fa la notizia che Linda Sabbadini, direttrice del dipartimento...

06/04/2016 - 17:51
Ecco il motivo per cui non metto la mia firma per Linda Sabbadini

La Gender Theory esiste ? Giacomo Rotoli: il problema ha diverse chiavi di lettura

Relativamente alla c.d. teoria del Gender, secondo autorevoli professionisti della sfera...

20/08/2015 - 21:26
La Gender Theory esiste ? Giacomo Rotoli: il problema ha diverse chiavi di lettura

Vademecum: cosa fare in caso di sottrazione internazionale di minore

di MARCO DI MARCO* - "Se ci sono forti sospetti e soprattutto prove di una potenziale sottrazione, chiedete...

05/11/2014 - 17.39
Vademecum: cosa fare in caso di sottrazione internazionale di minore


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Non ci sono ancora commenti


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584