Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

DDL 957, i nuovi nemici del Condiviso. Roberta Lerici e il flop del 22 Aprile

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


DDL 957, i nuovi nemici del Condiviso. Roberta Lerici e il flop del 22 Aprile

19/04/2010 - 18.01

Di Fabio Nestola*. La storia recente dell'affidamento condiviso (ci son voluti 14 anni di lavori parlamentari per approvarlo, e altri 4 per non applicarlo) ci insegna che i nemici della Riforma sono tanti, organizzati in lobby tanto potenti, in quanto a presenza parlamentare, quanto "felpate" nello stile. Negli ultimi mesi, però, è emerso un altro gruppo avverso alla Bigenitorialità, il quale opera con diverso stile - aggressivo e ai limiti della denuncia - per compensare la mancanza dell'anelato potere.

Per approfondirne gli aspetti, cominciamo con un fatto di cronaca che riporto fedelmente, in quanto spettatore diretto dell'avvenimento.

Il 22 Aprile, a Roma, andava in onda una manifestazione, che si annunciava roboante, organizzata dalle donne dell’Italia dei Valori di fronte il tribunale dei minori dell’Urbe. Questa la cronaca impietosa.

Riunione annunciata per le ore 10,30 in largo Perosi, per raggiungere successivamente via dei Bresciani, sede del Tribunale.

Alle 10,00 già c’erano alcune persone, attorno ad un furgone per il trasporto di generi alimentari.

Alle 10,30 si contavano all’incirca 30 manifestanti, compresi diversi bambini, con magliette del Comitato Vittime Giustizia Minorile e palloncini bianchi. Quindi si sono unite al gruppo una decina di ragazze in tuta ginnica, appartenenti ad una società sportiva di Aprilia.

In tutto i manifestanti erano circa 50 (anche se probabilmente si dirà che erano 300, e la questura ne ammetterà 25...), provenienti da Latina e dintorni; in maggioranza donne, ragazze e bambini, con una sparuta partecipazione maschile.

Non c’era traccia del fiume di partecipanti da Roma, chiamati a raccolta con il tam tam in rete, blog, gruppi Facebook ed altro.

In via dei Bresciani Roberta Lerici ha chiesto al servizio d’ordine di allontanare Vincenzo Spavone (Presidente della GESEF) in quanto personaggio a lei non gradito, per usare un eufemismo.

Al pacifico Spavone, ovviamente, è stato consentito da Polizia e Carabinieri di rimanere, visto che non creava alcun ostacolo alla manifestazione.

Non c’erano gli estremi per allontanare nessuno con la forza, ma basta la sola pretesa - pur se  palesemente illegittima - a fare luce sui principi democratici che animano la promotrice dell’iniziativa.

Una troupe del tg5 ha effettuato alcuni minuti di riprese, intervistando anche il Senatore Stefano Pedica, l’unico esponente IDV che ha sposato l’iniziativa rispondendo alle sollecitazioni dell’organizzatrice.

In sostanza: annunciate folle oceaniche, presenti poche decine di persone con figli al seguito per fare numero.

Al di la di questa breve cronaca, non credo sia interessante analizzare il flop dell’iniziativa (d’altronde i numeri parlano chiaro: chi sperava di mobilitare le masse, all’ultima tornata elettorale nel Lazio ha racimolato in tutto 156 preferenze - non proprio uno tsunami di voti, come le augurava una fan sul blog RL da Rignano Flaminio). Potrebbe invece essere interessante analizzare l’acredine aggressiva e violenta che ha dimostrato Roberta Lerici negli ultimi mesi.

I suoi blog sono farciti di odio antimaschile, mascherato da battaglie a favore delle donne. Non accetta contraddittorio, se sei un discepolo asservito ai complimenti scodinzolanti ti accetta, altrimenti censura tutto.

Non le critiche aggressive, che sarebbe anche legittimo filtrare, ma viene cassata qualunque osservazione non allineata, anche se civile, pacata, documentata.

E’ una vera e propria crociata, quella intrapresa da Roberta Lerici contro l’affido condiviso.

Da qualche tempo, infatti, la Nostra ha dissotterrato l’ascia di guerra contro gli uomini in generale ed i padri in particolare, spingendosi fino ad affermare che il padre che chiede di stare con i propri figli potrebbe essere un pedofilo.

Negli ultimi giorni, poi, è letteralmente terrorizzata dal DDL 957, la cui calendarizzazione farebbe presagire un futuro “...scenario in cui l'affido condiviso sia concesso per obbligo e sempre, a prescindere dai conflitti e dalle violenze che un uomo può commettere nei confronti della ex moglie o un genitore può commettere nei confronti dei figli....”.

“I figli sono proprietà esclusiva delle madri, se un padre chiede di occuparsene deve avere un disturbo comportamentale” è un grossolano riassunto del lerici-pensiero.

Per arrivare a tanto, usa ed abusa della teoria secondo la quale ogni soggetto di genere maschile sarebbe cronicamente incline allo stupro, alla violenza, alle percosse, alla sottomissione della donna in generale e della propria compagna in particolare.

Dimenticavo: per lei ogni padre separato potrebbe abusare dei propri figli, e sembra che sposi la teoria secondo la quale la nuova versione del condiviso "agevola e legittima la pedofilia e il femminicidio"  (proprietà intellettuale di femminismoasud).

Non sa, la nostra Lerici, che per esplicita ammissione di un esercito di avvocati, magistrati e consulenti dei tribunali, (curiosamente solo donne, tra l’altro) la stragrande maggioranza delle denunce presentate dalle madri si rivelano false accuse, costruite al solo scopo di eliminare l’ex dalla vita dei figli. Non sa, Roberta Lerici, o non vuole sapere?

Quale che sia la verità, esistono due sole ipotesi: o è in malafede e mente sapendo di mentire, oppure non conosce affatto la materia che pretende di trattare da esperta.

Delle due, l’una. Non esiste una terza ipotesi.

A volte prima di partire lancia in resta può essere utile documentarsi, studiare, approfondire… si evitano pessime figure e anche qualche querela.

Negli scritti pubblicati sui diversi blog (bambini coraggiosi, femminismo a sud ed altri) Roberta Lerici parla di affido condiviso come una barbarie per donne e bambini, nonché di legge che tutela i pedofili e gli assassini. Lancia una allarme inesistente, stravolgendo il senso di una normativa che conosce a livello approssimativo.

Non è una giusperita, emerge in maniera imbarazzante da ciò che scrive, ma pretende di pontificare da esperta di Diritto paventando scenari disastrosi.

Sangue, orrore e morte, stupri, percosse, abusi sessuali sull’infanzia come se piovesse; terrorismo psicologico, non certo informazione documentata e competente.

Sarebbe troppo lungo, dispersivo e soprattutto noioso contestare una ad una le affermazioni farneticanti della Lerici. Basti dire che ha preso di mira anche la PAS (Parental Alienation Sindrome, il disturbo comportamentale descritto da Richard Gardner) sostenendo che i bambini indotti a non frequentare i padri saranno costretti a vederli ugualmente (consegnati al carnefice, testuale) o rinchiusi in istituto, poichè ai padri basta dire “c’è la PAS” ed automaticamente viene incolpata la madre di condizionamento.

E i consulenti d’ufficio e di parte, cosa esistono a fare ?

E’ talmente avvezza, la nostra Roberta, al fatto che una denuncia costituisca automaticamente certezza del reato, che pretenderebbe di mantenere il diritto di denunciare come esclusiva prerogativa femminile. Mal sopporta gli accertamenti e le lungaggini del diritto: se una donna ha denunciato ci sarà una ragione, che motivo avrebbe di mentire ?

Il motivo c’è, eccome ! Lo ha descritto, coralmente, un esercito di donne intellettualmente oneste: La falsa denuncia è il modo più semplice per liberarsi del compagno, marito o convivente che sia

Per assecondarla propongo: aboliamo la magistratura e stabiliamo questa prassi:

 

- Basta una denuncia per stabilire le misure da adottare nella separazione

- Se denuncia un padre, si archivia: sono stupratori, assassini, violenti

- Se denuncia una madre, si condanna: c’è la certezza del reato, senza fase istruttoria .

 

In pratica, il paradiso delle donne intellettualmente disoneste. Per fortuna quelle oneste sono la maggioranza. Sarà per questo motivo che Roberta Lerici, per fortuna di tutti noi, non ha un gran seguito ?

 

* Presidente FeNBi – Federazione Nazionale per la Bigenitorialità


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 14978 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


ADIANTUM: Sabato 20 dicembre ad Ardea per gli Awards 2014

E’ Ardea il comune italiano dove quest’anno si svolgerà l’Adiantum Community Awards 2014....
15/12/2014 - 10.57
ADIANTUM: Sabato 20 dicembre ad Ardea per gli Awards 2014

Trentino, in calo il numero dei minori allontanati da casa. In futuro la Rete Prossimale di famiglie

Trento. Indicazioni utili sono emerse al convegno “Minori: migliorare si può?...

11/10/2014 - 14.15
Trentino, in calo il numero dei minori allontanati da casa. In futuro la Rete Prossimale di famiglie

Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Trento. Di recente il Difensore civico, dott.ssa Daniela Longo, ha presentato una...

14/09/2014 - 11.23
Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Dalle associazioni un manuale contro gli allontanamenti facili dei figli da parte del Sistema

Il documento redatto dal CCDU (Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani), frutto della competenza...

26/08/2014 - 09.51
Dalle associazioni un manuale contro gli allontanamenti facili dei figli da parte del Sistema

Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge

Il Garante per l’Infanzia, Dr. Vincenzo Spadafora, meriterebbe una menzione speciale. Negli ultimi...

13/08/2014 - 08.58
Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge

Cognome materno ai figli: la rivoluzione forzata che non piace neanche al PD

"Penso sia necessaria una pausa nella discussione in quanto la legge sovverte regole millenarie....

17/07/2014 - 09.28
Cognome materno ai figli: la rivoluzione forzata che non piace neanche al PD


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 52 commenti


15.11  di venerdì 13/05/2011
scritto da  Lorenzo
Il problema, che ben potrebbe atteggiarsi a farsa che si inserisce nella tragedia, è che, nel mentre si parla di pedofilia astratta nei procedimenti di separazione, i pedofili VERI agiscono sostanzialmente indisturbati, con il loro materiale osceno e vergognoso nascosto in oscuri server dell´est europeo. Ogni tanto ne emerge uno, spesso e volentieri quando il reato è purtroppo già consumato. Si fa un po´ di clamore sui giornali e poi tutto si spegne nel silenzio, che questa "guerra dei sessi" paradossalmente aiuta a rinforzare.
Non ho mai sentito, in anni che si tratta del problema, qualcuno che parlasse di autentica politica di prevenzione sociale del fenomeno, che considero di estrema gravità. Di inquadramento di questi soggetti socialmente pericolosi al fine di soluzioni adeguate. Di sostegno ai minori colpiti da questi traumi tremendi ed alle loro famiglie. Mai nulla. Solo demagogia. La cosa mi rattrista.

21.27  di lunedì 02/05/2011
scritto da  Rosa

Questa emerita sconosciuta è in cerca di notorietà... Ma che ne sà lei della vita? E´ genitore? Non mi pare che possa essere genitore una che parla senza cognizione di causa... ma chi se la fila?  parlare di lei è una perdita di tempo... "Non ti curar di lei(loro) ma guarda e passa"...Piuttosto prepariamoci per la fiaccolata di giorno 6 maggio 2011... partecipiamo in massa e rendiamo l´idea di quanti siamo!!! l´unione fa la forza!


21.19  di mercoledì 16/06/2010
scritto da  barbara
il mio caso allora è un episodio successo su un altro pianeta...mio marito x togliermi i figli mi ha fatto passare x matta con l´ausilio dei suoi genitori, e degli assistenti sociali. ho fatto ben 2 perizie che lo negano,ma nonostante le mie denuncie x percosse e ingiurie andate in prescrizione, i figli stanno ancora nell´ex casa coniugale, di sua proprietà. e io a casa di mia madre, come un´adolescente.

17.40  di venerdì 07/05/2010
scritto da  U-boot
Per F. Merlo e Calabresi.
Nulla di nuovo all´orizzonte. Si chiama discriminazione, la stessa parola che è sulla bocca delle strenue sostenitrici della parità, e che magicamente scompare nelle cause di separazione. Conosco un marito ritenuto da molti "fortunato", in quanto alla denuncia della moglie per maltrattamenti è conseguita l´archiviazione chiesta dallo stesso PM! é anche emerso che, durante le fasi processuali, la moglie abbia anche detto il falso (provato e comprovato, con tanto di testimoni) sia stata reticente, abbia un pò "abbellito" la versione dei fatti. Secondo voi è successo qualcosa? nulla! secondo voi il PM ha chiesto spiegazioni alla moglie dell´uomo? Macchè... tutto regolare....basta non voler vedere il vero e poi....

13.59  di giovedì 06/05/2010
scritto da  Danilo Merlo
Non conosco nei particolari le attività della signora in questione, quindi vorrei limitarmi ad un´esperienza personale. Premetto di aver ottenuto una consensuale a ottime condizioni ma....discutendo con l´avvocato sulla questione economica, alla mia richiesta sul perchè insistesse su una cifra più alta di quella da me proposta mi ha risposto spiegandomi che in tribunale i padri partono svantaggiati(???). Un altro avvocato ha affermato: "Quando da me si presenta una donna per la separazione io vedo una strada in discesa", al contrario nel caso di un uomo. Per finire durante una discussione mia moglia mi ha detto: "sai bene che se andiamo con una giudiziale mi darai più soldi e vedrai di meno le bambine". Servono commenti in merito? Danilo Merlo


1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio