Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

La storia di William Pezzullo e il Quirinale. Paola Tomarelli: Gentile prof.ssa Zincone, riscontro sua nota....

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


La storia di William Pezzullo e il Quirinale. Paola Tomarelli: Gentile prof.ssa Zincone, riscontro sua nota....
Giovanna Zincone

05/04/2014 - 11.13

Gentile Prof.ssa Zincone, riscontro la Sua pregiatissima, e la ringrazio di aver dedicato la sua squisita attenzione all'esame della vicenda del signor William Pezzullo, nonchè di aver trovato il tempo di rispondere chiarendo la posizione del Quirinale su una storia che, purtroppo, mette a nudo alcuni aspetti inquietanti del nostro sistema giudiziario e istituzionale. 

A beneficio di chi leggerà questa mia, riporto integralmente la sua pregevole nota:

Mi preme cogliere alcuni aspetti. In primis mi corre l’obbligo di sottolineare di non avere alcun contatto con la persona che leggo in indirizzo, ne’ sono a conoscenza di quanto da questi inviato al Presidente. Trovo pertanto singolare che la Sua risposta sia cumulativa, rendendo reciprocamente noti recapiti e generalità di due cittadini tra loro sconosciuti.

Il secondo aspetto riguarda la motivazione dell’onorificenza, che vorrebbe simbolicamente gratificare un comportamento più che una singola persona.

Principio condivisibile, ma è lecito chiedersi quali criteri connotino come “meno coraggioso” e/o “meno civile” il comportamento tenuto da altre cittadine ed altri cittadini in situazioni analoghe, facendo riferimento in particolare al comportamento di William Pezzullo, la persona segnalata nella mia dello scorso dicembre (NDR: vedi allegato a margine dell'articolo).

Anzi, a differenza della Signora insignita del cavalierato, il Sig. Pezzullo è comparso raramente - una sola volta, su una TV nazionale - sulle emittenti pubbliche e private, non ha rilasciato interviste alla stampa locale e nazionale, non ha distribuito foto.

Pur essendo stato anch’egli vittima di una aggressione pianificata ed eseguita dalla sua ex, ha vissuto e continua a vivere con discrezione il proprio dramma, ha sopportato e continua a sopportare con estrema dignità le conseguenze del gesto criminale che - tra l’altro - ha causato una condizione psicofisica di gran lunga più grave di quella, pur gravissima, sofferta dalla Sig.ra Annibali.

Pertanto la disparità di considerazione da parte del Presidente rimane invariata.

Il terzo aspetto riguarda la targa conferita il 25 novembre u.s. ai testimonial della campagna NoiNo.org., che dimostrerebbe l’equilibrio del Presidente ed l’attenzione simmetrica nei confronti dei generi. Una chiave di lettura quantomeno bizzarra, mi perdoni la franchezza; temo che la realtà sia  diametralmente opposta.

Nel caso di specie il soggetto femminile ha ricevuto l’onorificenza con lo status di vittima, mentre i soggetti maschili hanno ricevuto una targa non in quanto vittime ma come non aggressori, in sostanza per aver preso le distanze dalla violenza agita contro le donne.

Continua a radicarsi la percezione distorta che lo status di vittima possa essere associato esclusivamente ad un soggetto femminile, un uomo non può essere riconosciuto vittima di una donna e l’intero genere maschile viene diviso fra chi trova “normale” aggredire le donne e chi invece si schiera contro.

Doverosamente contro, aggiungerei.

Tuttavia la campagna di cui sopra non contempla alcuna pietas per le vittime maschili di violenza; le vittime maschili, pertanto, non esistono ne’ nei temi della campagna NoiNo.org., ne’ nella considerazione del Presidente.

Da ultimo, mi vedo costretta a notare l’incongruenza della Sua chiosa. 

Sostenendo che le vittime maschili sarebbero numericamente inferiori alle vittime femminili, afferma un principio difficilmente conciliabile con l’attenzione che il Presidente usualmente dedica alle minoranze.

  • Non serve riconoscere le violenze subite dagli omosessuali, perché gli etero vittime di violenza sono di più?
  • Non serve riconoscere le violenze subite dai disabili, perché i normodotati vittime di violenza sono di più?
  • Non serve riconoscere le violenze subite dagli immigrati, perché gli italiani vittime di violenza sono di più?

Allo stesso modo, non servirebbe riconoscere le vittime maschili per il solo fatto che le vittime femminili sarebbero di più?

Suvvia Professoressa Zincone, La prego di non offendere la Sua e la mia intelligenza. Se fosse valido il teorema della rilevanza numerica, sa spiegare per quale motivo non è mai stato conferito il cavalierato ad un operaio sopravvissuto alla frana o alla caduta dall’impalcatura, visto che ogni anno le vittime di incidenti sul lavoro sono infinitamente superiori ai c.d. femminicidi?

Non è che per caso l’attenzione al caso Annibali nasca non da una esigenza reale e concreta, ma da un condizionamento ideologico che sconfina nel pregiudizio?

Preferisco prendere le distanze da qualsiasi rivendicazione sessista e posizione contro ogni tipo di violenza, a prescindere dal genere di autori e vittime. Mi piacerebbe riscontrare la stessa imparzialità anche nelle figure del Presidente della Repubblica e della Consulente per i Problemi della Coesione Sociale.

 

AVV. PAOLA TOMARELLI

Presidente della Onlus "Dalla Parte di Giasone" (Roma)


Fonte: Redazione

Vedi Allegato



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 8127 volte




Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

di ALESSIO CARDINALE - Di recente, l’on. Spadafora ha annunciato, attirandosi le ire dei genitori...

07/04/2019 - 07:58
I disegni di legge sul Condiviso in vista del testo unificato: dopo il boicottaggio dei giudici, quello della politica

Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

Nel corso degli ultimi dieci anni, il tema della protezione dei soggetti più deboli ha ricevuto nel...

15/09/2018 - 02:01
Impedimento doloso alla cura filiale. Un proto-reato di cui il Parlamento deve farsi carico con urgenza

8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Illuminante il sito ANSA, dove ieri comparivano in homepage 23 (si, ventitre) notizie che hanno  a che fare con l’8 marzo, i...
09/03/2018 - 09:18
8 Marzo ormai come il 25 Novembre: le giornate delle donne solo per alimentare un business

Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Curioso autogol per la Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di...

25/02/2018 - 21:01
Denunce per i c.d. reati di genere, la Procura di Bologna svela i dati: archiviate nella metà dei casi

Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione...

01/07/2017 - 13:59
Giugno di sangue politicamente scorretto, regna il silenzio dei media - di Fabio Nestola

Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo

Che l’affido condiviso non sia sempre la soluzione migliore lo dice la legge, non serve che si svegli...

31/05/2017 - 14:51
Linee guida di Brindisi, Non Una Di Meno: Condiviso non sempre migliore soluzione. Antiviolenza ad ogni costo


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 10 commenti


08.23  di domenica 01/03/2015
scritto da  Giulio La Torre
La discriminazione di genere e´ anch´essa un forma di violenza e chi la sostiene oltre ogni limite di buon senso, a mio avviso, commette reato!

06.17  di domenica 01/03/2015
scritto da  Simone

Non solo quello che dice l´avvocato Tomarelli è stravero, ma c´è anche da considerare gli enormi numeri di false violenze ovvero donne che denunciano uomini per violenze che poi si rilevano false (l´80-90% circa da uno studio condotto qualche hanno fa)oltre ai falsi stupri che sono tanti, quindi violenze sugli uomini visto le enormi persecuzioni costretti a subire per una denuncia di falso abuso e falsa violenza, inoltre la signora Zincone non considera violenze (come dopotutto non lo considerano tutti) le enormi persecuzioni a cui sono costretti i padri separati che perdono casa soldi e figli e si ritrovano a dormire in macchina di punto in bianco e spesso muoiono di stenti e si suicidano per le enormi sofferenze costrette a subire per colpa di ex-mogli mostri che approfittano della legge a loro completo favore per distruggere completamente la vita di un padre. Questa signora Zincone è vera e propria violenza, quindi se consideriamo violenze anche tutto ciò vedrete probabilmente il numero di violenze che subiscono gli uomini dalle donne sono di gran lunga maggiori come numero da quelle che subiscono le donne dagli uomini. Inoltre dal ragionamento fatto dalla Zincone, se si considera solo le maggioranze allora visto, che le donne sono le maggiori figlicide, allora si dovrebbe applicare una punizione maggiore e controlli maggiori per le madri che uccidono e figli rispetto ai padri che lo fanno!!!!!! Come mai allora questa differenza non la considerano????????? Inoltre perchè sondaggi come questo:


http://www.lettera43.it/cronaca/stupro-sugli-uomini-38-milioni-di-vittime-in-italia_4367572351.htm


dove si rilevano che anche gli uomini sono vittima di violenza da parte di donne non vengono mai raccontati ? 


17.59  di sabato 28/02/2015
scritto da  Carla
La violenza sugli uomini esiste ed è una grave piaga sociale. Peccato che a nessuno importi. Tantomeno agli uomini stessi.
Sarebbe bene che sul femminicidio il Parlamento approvasse non una, ma due leggi. La prima per tutelare le donne dalla violenza maschile. La seconda per tutelare gli uomini dalla violenza femminile. Visto che non è vero che è sempre lei la vittima e lui il carnefice. Accade, a volte, anche il contrario. Tant’è che diversi paesi, dagli Stati Uniti all’India, dal Canada al Regno Unito hanno già affrontato questo fenomeno ai più sconosciuto. E in Italia?

08.28  di sabato 28/02/2015
scritto da  Franco Careglio
io sono William Pezzullo.
lo stato fa come sempre, solo propaganda. fatti mai.

11.20  di lunedì 12/05/2014
scritto da  Vale
Le argomentazioni della dott.ssa Zincone sono risibili, inoltre con questo riconoscimento al coraggio si è attuata una discriminazione non solo nei riguardi degli uomini, ma anche nei confronti delle vittime femminili: Valentina, la ragazza sarda bruciata dal proprio ex marito che ha perso i connotati, il braccio e la sua bellezza e, dopo aver subito 23 interventi non ha il denaro per quelli successivi, ma nonostante ciò trasmette una forza ed una gioia di vivere straordinarie, una creatura ammirevole e non privilegiata.
Lucia Annibali ha manifestato a William la solidarietà negatagli dalle istituzioni.


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584