Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Bambini in casa famiglia, un rapporto del Governo svela tutto il marcio. Un business miliardario

Cronache dai tribunali


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Bambini in casa famiglia, un rapporto del Governo svela tutto il marcio. Un business miliardario
Il Sottosegretario Maria Cecilia Guerra

25/11/2012 - 09.13

In puro stile da prima e seconda repubblica, il Governo ha svelato agli italiani ciò che molti di noi sapevano da anni in materia di bambini allontanati in comunità (case famiglia). Ciò che riceviamo dal rapporto denominato "Bambini e bambine temporaneamente fuori dalla famiglia di origine" è una realtà cruda, in cui la fredda analisi dei dati non riesce a mascherare tutto il marcio che trasuda da un volgarissimo giro d'affari perpetrato sulla pelle di famiglie e bambini. Il paragone con le cliniche private che "procacciano" malati e ricevere i rimborsi dello Stato è calzante: qui ad "essere procacciati" sono i bambini, anche se il Rapporto, questo, non lo dice.

E così, commissionando i lavori di indagine ad un ente di pubblica utilità (Istituto degli Innocenti di Firenze) e organizzando un evento per gli addetti ai lavori - tra i quali vi sono i beneficiari del business che ruota attorno agli allontanamenti - il Governo pensa di aver adempiuto all'obbligo di pubblicità che la questione imporrebbe, senza darne alcun impulso mediatico.

Sorprendono i dati snocciolati dalla nota informativa, e rivelano una realtà che, per dimensioni, alcuni di noi neanche sospettavano:

 

- il 37% dei bambini è stato allontanato per inadeguatezza genitoriale;

- il 9% per problemi di dipendenza di uno o entrambi i genitori;

- l’8% per problemi di relazioni nella famiglia;

- il 7% per maltrattamenti e incuria;

- il 6% per problemi sanitari di uno o entrambi i genitori.

 

L'indagine non chiarisce bene chi siano i destinatari della percentuale che residua (11%) dalla sommatoria di quelle dettagliate sopra (compresi i minori extra-comunitari non accompagnati, che ammonterebbero al 22% del totale), ma precisa che i bambini e i ragazzi accolti hanno tutti una loro famiglia o almeno un genitore, non si tratta di orfani (1%), di figli di genitori ignoti (1%) o di figli in presunto stato di abbandono (4%). Inoltre, rispetto ai dati rilevati nel 1998/99, il fenomeno è cresciuto del 24% ovvero da 23.636 soggetti si è passati a 29.309. Mentre i collocamenti in comunità sono rimasti nel periodo pressoché uguali, il numero degli inserimenti in famiglia è aumentato del 42%. Ciò ha portato nel tempo a un sostanziale allineamento tra i numeri degli accolti nelle strutture residenziali (14.781 minorenni) e nelle famiglie affidatarie (14.528).

Ebbene, secondo l'indagine (la prima in assoluto da quando si è sviluppato il fenomeno degli allontanamenti facili), al 31 dicembre 2010 i minorenni accolti temporaneamente presso i servizi residenziali familiari e socioeducativi sono, dunque, 14.781. Eliminando le percentuali di coloro che sono stati allontanati per problemi di dipendenza e per maltrattamenti, il 51% degli allontanamenti in comunità avviene all'interno di una vasta "area grigia" dove è possibile dire tutto e il contrario di tutto. Si tratta di un esercito di 7.538 minori che frutta ogni anno, al sistema case famiglia, un gruzzolo pari a  circa 495.000.000 di euro.

L'enormità dei numeri dà l'idea dello scandalo che è in atto: cosa si potrebbe fare con 500 milioni di euro da investire a sostegno delle famiglie, anzichè elargirle a strutture che, in tutta evidenza, non danno alcun beneficio se non agli operatori che ci lavorano ? Se tanto mi dà tanto, e togliendo dalla conta i minori stranieri non accompagnati, i nuclei familiari italiani colpiti dalla questione (4711, considerando un tasso di 1,6 figli a nucleo familiare che è la media nazionale) potrebbero ricevere un sussidio annuo pari a 105.000 euro, ossia 8.750 euro al mese ! E invece basterebbero 5-600 euro al mese per dare respiro e dignità a famiglie che, nella maggior parte dei casi, non hanno alcuna colpa della loro condizione.  

Secondo l'indagine, "essere fuori famiglia non implica necessariamente la recisione dei rapporti e dei contatti tra figli e genitori". Sappiamo bene che non è così. Ed infatti il Rapporto chiarisce subito che "vi sono situazioni specifiche in cui la destinazione dei bambini deve rimanere non conosciuta ai loro genitori; negli altri casi l’accoglienza non può accompagnarsi alla scomparsa della famiglia di origine". Quante siano queste "situazioni specifiche" non è dato saperlo.

Inoltre, "sia per i bambini in affidamento che per quelli presenti nelle comunità, emerge una trama abbastanza sostenuta di contatti e di visite tra genitori e figli: il 74% dei bambini in comunità incontra periodicamente uno dei genitori (soprattutto la madre) tutte o quasi tutte le settimane; il 42% rientra a casa propria il fine settimana oppure secondo altre modalità concordate....".  In quella frase - "...incontra periodicamente uno dei genitori tutte o quasi tutte le settimane..." - si condensa il problema: un sistema che riduce le possibilità di relazione genitori/figli ad una sola visita settimanale (di 3 ore al massimo, NDR) e rende vano qualunque tentativo di rientro in famiglia in tempi brevi.

Ed infatti, accanto a bambini e ragazzi che sono in accoglienza da pochi giorni, ci sono altri che lo sono da anni. Tra i presenti al 31 dicembre 2010, la quota di quanti sono stati accolti negli ultimi tre mesi è del 9%, da 3 mesi a 12 mesi esatti è del 24%, da 12 mesi a 24 mesi esatti è del -19%, da 24 mesi a 48 mesi esatti è del 22%, mentre sono il 26% quanti sono accolti da oltre 48 mesi.

Infine, ma non meno importante, lo scandalo del "turnover" (ricambio) dei bambini allontanati. E' impressionante: 10.000 dimessi a fronte di un pari numero di nuovi ingressi. Non una piccola percentuale, ma il 33% l'anno di "rotazione"...Un tasso che qualunque economista non esiterebbe a definire "industriale".Un ricambio che assicura, ogni anno, introiti per centinaia di milioni di euro e laute prebende ai professionisti dell'allontanamento che, sentitamente, ringraziano.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia è stata letta 25863 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


In crisi (di soldi) i centri antiviolenza per sole donne. Sale la protesta, ma la Raggi non ci caschi

L'ideologia al servizio della discriminazione di genere (questa volta, ai danni dell'intero genere...

27/06/2016 - 17:21
In crisi (di soldi) i centri antiviolenza per sole donne. Sale la protesta, ma la Raggi non ci caschi

Il Gruppo CRC non ama troppo chi combatte la malagiustizia minorile. Ma allora, che lavoro fa?

di FABIO NESTOLA - Leggo incuriosito dell’esclusione di Adiantum dal Comitato CRC, poi la curiosità passa in...

17/05/2016 - 09:08
Il Gruppo CRC non ama troppo chi combatte la malagiustizia minorile. Ma allora, che lavoro fa?

Repubblica Tv e il sessismo USA: si rasenta il ridicolo, ma tutto fa brodo

Repubblica Tv, organo di informazione spesso "women-oriented" (gli esempi di disinformazione...

18/04/2016 - 19:18
Repubblica Tv e il sessismo USA: si rasenta il ridicolo, ma tutto fa brodo

Sottrazioni Internazionali, risoluzione di Scagliusi e Bonafede (M5S): il Governo si impegni

Dopo una intensa collaborazione con le associazioni che si occupano di sottrazioni internazionali di...

29/02/2016 - 17:23
Sottrazioni Internazionali, risoluzione di Scagliusi e Bonafede (M5S): il Governo si impegni

In Italia anche le mamme uccidono, ma per i media la versione dei fatti dipende dal genere

A Sambucheto di Recanati, come cronaca riporta, si è consumata l'ennesima tragedia familiare. Un...

15/02/2016 - 13:11
In Italia anche le mamme uccidono, ma per i media la versione dei fatti dipende dal genere

Decisioni rivoluzionarie al tribunale di Trento su affidamento figli: cresce il dibattito, interviene ADIANTUM

In principio fu un provvedimento del tribunale di Trento, che interveniva per disciplinare la pretesa di...

10/02/2016 - 17:16
Decisioni rivoluzionarie al tribunale di Trento su affidamento figli: cresce il dibattito, interviene ADIANTUM


Le Notizie più Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 21 commenti


21:10  di giovedì 21/01/2016
scritto da  KATIUSCIA
bhe che dire mi hanno portato via i ragazzi nel 2009 i miei figli sono nati rispettivamente nel 1998 2001 2005 ad oggi dove sono???????? in casa famigli posso vederli hogni 15 gg e non possono venire a casa

09.10  di sabato 16/05/2015
scritto da  arianna
tutti sanno del marcio ma nessuno fa nulla per fermare questo.
bambini che non rivedranno più i genitori per un capriccio dell´operatore sociale.
Bisognerebbe smantellare questo sistema iniziando dalle normative da vero lager.
E´ assurdo che un genitore non possa, in fase di appello, dimostrare l´inesattezza della segnalazione.

01.23  di domenica 09/11/2014
scritto da  Deb
Salve a tutti, io faccio parte dei minori allontanati dalla famiglia, il 4 settembre 2013 sono entrata in una comunità dove sto letteralmente impazzendo, sono nel 37% dei casi, prendono più o meno 200 € al giorno per me e per altri e non ci danno neanche 1 euro per le cicche, non possiamo riempire nemmeno troppo il piatto perché ci dicono di non aver soldi mentre la responsabile viaggia per il mondo, va dalla parrucchiera e ha l´armadio invaso da pellicce e abiti firmati... Io sono il caso migliore nella comunità dove sto perché ogni 2 settimane posso vedere i miei genitori, sapete qual´è la mia massima libertà? : avere dopo un anno la sim del cellulare che non ti danno nemmeno 5 euro per caricarlo, oppure uscire per 1 ora e 30 3 volte a settimana per conto mio a patto che io stia in posti predefiniti... La cosa che però più mi scandalizza e che siamo in 3 mentalmente sani, mentre tutti gli altri hanno gravi disturbi mentali, ora vorrei specificare che non ho niente contro di loro, ma quando ci vivi e gli educatori considerandoti sana ti utilizzano per fare parte del loro lavoro dovendo badare a essi in situazioni anche pericolose non mi sembra il caso, in più ho 16 anni, sono in piena crisi adolescenziale, ho bisogno dei miei spazi, non posso sempre vivere in base ai loro bisogni e problemi, non sono loro madre o cose simili.... In ogni caso credo sia una battaglia già persa in partenza, è un giro troppo grosso per combatterlo, ti schiaccerebbero soffocandoti e nient´altro... Detto ciò, si, sono una degli arrabbiati, io e la mia famiglia lo siamo !

21.16  di giovedì 18/09/2014
scritto da  Trincia Loredana
Buonasera sono una madre disperata,arrabbiata...l´11 agosto 2014 due assistenti sociali e due karabinieri si sono presentati in kasa dicendo ke portavano via le bambine ..senza divise..senza i cartellini...e hanno sbattuto al muro il mio convivente kosa ke lui e´ ake invalido al´80%..e il karabiniere nn ci kredeva...ho bisogno di alkune informazioni e aiuto ...speroke riusciate ha contattarmi su facebook...in privato kosi´ spiego meglio la situazione...grazie aiutatemi......!!!!!

18.19  di mercoledì 26/06/2013
scritto da  Hana Boema
Esatto! E potrei fare nomi e cognomi, iniziando dalla CTU, continuando con la responsabile dell´ASL di Susa, poi avvocati, giudici ecc...una banda di avvoltoi senza scrupoli! Invece di aiutare la madre di due preadolescenti, trovatasi inaspettatamente senza lavoro e privata della casa con prepotenza del padre dei ragazzi, hanno allontanato i figli sistemandoli in un collegio di lusso a Bardonecchia...costo allo stato, quasi 3 milioni di lire al mese! Allontanati dalla madre, risultata "inadeguata" unicamente per motivi economici. Aiutare lei per lasciare i figli insieme alla madre, come si fa nei paesi civili no, eh!


1 - 2 - 3 - 4 - 5


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2016 - Codice Fiscale: 97611760584