Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Trento, assistente sociale prima la invia in casa famiglia, poi le toglie i figli mentre partorisce

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Trento, assistente sociale prima la invia in casa famiglia, poi le toglie i figli mentre partorisce
Interno della casa famiglia

28/04/2012 - 09.28

La città di Trento assurge nuovamente alle cronache per l’operato del servizio sociale così tanto elogiato dall’assessore Ugo Rossi e dall’assessore Plotegher, così come l’operato delle case famiglia a cui questo servizio si rivolge.

Una madre, Nicole, ha il problema dell’uso di stupefacenti, ed avendo necessità di essere seguita da una struttura idonea viene inviata da una assistente del servizio sociale presso la casa famiglia Padre Angelo di Trento insieme al figlioletto all’epoca di sei mesi. Qui dovrebbe essere seguita in primis dall’ente inviante e dalla struttura ospitante che risulterebbe idonea così come da statuto alla presa in carico di soggetti critici ed ai figli di questi.

Il tempo passa - per l’esattezza quasi due anni - e Nicole viene parcheggiata in questa struttura. Perché diciamo parcheggiata? Perché nonostante necessiti di essere seguita con adeguate terapie volte alla disintossicazione ed a un corretto inserimento nella società civile, viene invece abbandonata da chi ha proposto l’inserimento nella struttura di cui sopra (e dagli stessi operatori della casa famiglia) che non si adoperano per un percorso riabilitativo, ma "dimenticano" benevolmente Nicole nel suo percorso trasgressivo e nel suo uso saltuario di sostanze acquistate in paese.

Nicole rimane incinta nuovamente e partorisce pochi giorni fa, ma subito dopo il parto viene a sapere dalla solerte assistente sociale che, mentre stava partorendo, il suo primo figlio era stato trasferito in una nuova struttura, con motivazioni ancora da accertare. La notizia non le era stata data "per non turbare il delicato momento del parto".

Come mai si è dovuto ricorrere solo in quel momento - e così proditoriamente - a questa aberrante soluzione (un vero e proprio furto di bambini) quando lo stato di Nicole era conosciuto da sempre, e nulla era stato attivato a suo sostegno ?

Antonella Flati, presidente dell’associazione Pronto Soccorso Famiglia, in concerto con il consigliere comunale di Trento Gabriella Maffioletti, dichiara di voler avviare in merito una interrogazione alla Commissione Parlamentare per i Minori in cui chiederà l’immediata rimozione dell’assistente sociale che, oltre ad aver chiesto l’onerosa collocazione in istituto di mamma Nicole, ha ignorato le sue reali necessità di cura e riabilitative non attivando i percorsi del caso. Sarà inoltre richiesta una revisione sull’idoneità della casa di accoglienza, in quanto non si è attivamente adoperata per il recupero di Nicole.

Giova infine precisare che Nicole, durante i fine settimana, si appoggiava sempre alla propria famiglia ritenuta idonea dal servizio a svolgere un ruolo di supporto, e sia la madre che il bambino erano quindi sostenuti dall’affetto di genitori e fratelli dove questa trascorreva il fine settimana. Pertanto, anche in questa occasione, una importante risorsa per il collocamento dei minori è stata accantonata per favorire una soluzione che prevede il ricorso ad una comunità, piuttosto che quello ai familiari più diretti.

Del caso se ne occuperà l’ormai noto Avvocato Francesco Miraglia del foro di Modena, presidente del comitato scientifico dell’associazione P.S.F. 


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 2131 volte

Antonella Flati
Antonella Flati


Gabriella Maffioletti
Gabriella Maffioletti

Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Figli contesi e adozioni. A Bergamo un convegno sui diritti dei bambini

A Bergamo, venerdì 27 marzo, avvocati, psicologi, scrittori e genitori insieme per fare il punto sul diritto di famiglia e per...
23/03/2015 - 22.49
Figli contesi e adozioni. A Bergamo un convegno sui diritti dei bambini

Trieste, convegno su effetti collaterali della separazione: violenza domestica e disagio minorile

A Trieste, lo scorso 16 gennaio, in concomitanza all'apertura della sede locale della Associazione Genitori Separati Insieme...
13/01/2015 - 22.11
Trieste, convegno su effetti collaterali della separazione: violenza domestica e disagio minorile

APEMS, a Novara si discute di scambi di comunicazione nella famiglia

APEMS - Associazione Papà e Mamme Separati Onlus, organizza il seminario civico dal titolo: “Di cosa parliamo quando siamo a...
11/01/2015 - 19.31
APEMS, a Novara si discute di scambi di comunicazione nella famiglia

Tu Sei Mio Figlio e Consorzio CISA, Obiettivo comune: zero allontanamenti !

Convenzione tra l´associazione Tu Sei Mio Figlio Onlus e Consorzio CISA Ovest Ticino. Obiettivo comune: zero...
10/01/2015 - 10.35
Tu Sei Mio Figlio e Consorzio CISA, Obiettivo comune: zero allontanamenti !

A Bergamo opera Minori In Primo Piano, nuova associazione di ADIANTUM

Lo scorso 8 settembre 2014, a Bergamo, è nata l’associazione “Minori in primo piano - associazione per la tutela dei...
11/10/2014 - 16.02
A Bergamo opera Minori In Primo Piano, nuova associazione di ADIANTUM

Roma, Ministero di Giustizia: ADIANTUM sulla proposta di riforma del Condiviso

Roma. Lo scorso 4 Agosto, presso il Ministero di Giustizia, una delegazione di ADIANTUM – Associazione di Associazioni per la...
05/08/2014 - 09.11
Roma, Ministero di Giustizia: ADIANTUM sulla proposta di riforma del Condiviso


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


C'Ŕ 1 solo commento


20.38  di gioved├Č 03/05/2012
scritto da  pasquale.as@hotmail.it
Sono un´ Assistente Sociale e se questi sono i fatti reali realmente accaduti e non mistificati come succede in svariate occasioni la collega non conosce il codice deontologico poiche situazioni come queste non si opera in solitudine, ma anche con altri Operatori di altri Servizi, vedi Ser.T ma anche con altre professionalit├á. Se questo ├Ę il risultato l´Ordine del Trentino Alto Adige deve convocarla ed accertare i fatti poich├Ę in tal caso potrebbe essere interdetta dall´Ordine nell´esercizio della Professione .


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2015 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio