Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Le origini della Famiglia. Il processo evolutivo - di Salvatore Garofalo

Parlando con franchezza...


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Le origini della Famiglia. Il processo evolutivo - di Salvatore Garofalo
Salvatore Garofalo

30/01/2012 - 15.33

Non sappiamo se i sentimenti di “legame” fossero presenti nella famiglia primitiva. Non conosciamo se l'amore fosse espressione della coppia genitoriale. Sicuramente il nucleo familiare costituito veniva percepito come qualcosa di importante e gli si “attribuiva” un valore aggiunto. All'epoca del  Paleolitico inferiore nasceva la prima forma di espressione artistica. Era il periodo dei graffiti eseguiti sulle pietre. Un'arte semplice, raffigurativa, essenziale. La famiglia ha trovato immediata rappresentazione nelle incisioni che venivano eseguite anche nelle pareti delle caverne.  Un fatto importante, un segno del processo evolutivo che dimostra oltretutto la nascita del senso estetico.

Probabilmente l'uomo sentiva il desiderio di abbellire l'ambiente domestico. Forse, i graffiti all'interno delle caverne rappresentavano una “fotografia”, un' “identificazione”, un “certificato di residenza”della famiglia stessa. Dunque un auto-riconoscimento come nucleo fondante, indispensabile, necessario. L'uomo degli albori, non appena è stato in grado di esprimersi artisticamente, ha raffigurato se stesso, la famiglia e gli animali che cacciava per sfamarsi o da cui difendersi. Quindi la consapevolezza del “Se”, dello spazio e del tempo. Non ha pensato di raffigurare la natura nel suo insieme ma ha inciso quello che riteneva utile. Al primo posto il nucleo familiare, il suo simile, l'altro genere, i bambini, la gravidanza.

Cosa pensava l'uomo delle origini quando alzava lo sguardo al cielo non è dato sapere. Non sappiamo se provava smarrimento allorquando osservava l'immensità che lo circondava o quanta paura avesse al calare delle tenebre o quando sentiva i predatori avvicinarsi. Sicuramente i sistemi biologici di difesa erano molto attivi e pronti. Le strutture primordiali del cervello insieme ai sensi erano molto sviluppati. Il sistema neuro-endocrino pronto alla reazione. Appena un segnale di offesa veniva percepito il sistema ormonale si attivava a cascata per permetterne la sopravvivenza. All'avvicinarsi di un grosso predatore l'organismo del nostro avo attivava immediatamente una serie coordinata di reazioni chimiche catalizzate da un efficiente sistema enzimatico. I sensi trasmettevano al cervello ciò che percepivano dal mondo esterno. Il segnale di pericolo veniva decodificato e per via neuronale  diramato a tutto il corpo che reagiva prontamente secernendo catecolamine dalle surreni. Questo ormone aumentava la pressione sanguigna e il battito cardiaco per permettere una migliore ossigenazione di organi e tessuti e quindi avere più forza per la lotta o per la fuga. Si dilatavano le pupille e aumentava la frequenza respiratoria. Si innalzava la glicemia per dare substrato energetico ai muscoli e al cervello. Nel caso la lotta si fosse protratta, il glicogeno epatico fonte energetica di deposito si mobilitava  a coadiuvare lo zucchero ematico. Altri ormoni fronteggiavano lo stimolo della paura quali il glucagone, l'insulina, il somatotropo, l'antidiuretico

A fronte delle  avversità l'uomo primitivo trovava sicurezza nella sua caverna accanto ai suoi simili. Le relazioni con l'altro genere gli infondevano serenità e coraggio. Andava scoprendo   quanto fossero importanti l'unione, la carezza, la gravidanza, la prole; in una parola la famiglia. Sono l'esperienza e  il beneficio a consolidare nel cammino evolutivo la famiglia. Per ottenere questo successo non basta la volontà dell'uomo. Egli ha percepito che l'unione conduceva a soddisfare le sue necessità. Per un tale risultato era necessario che  l'organismo fosse predisposto a recepire e  modulare gli stimoli a feedback  positivo indotti dall'altro genere. Difatti,  una cascata endocrina si attivava quando i due generi entravano in relazione empatica tra loro. Ormoni quali l'ossitocina, la serotonina, la dopamina, le endorfine, la feniletilamina, gli estrogeni e il testosterone  hanno aperto la strada “all'innamoramento”, alle effusioni, alla ricerca dell'altro, al consolidamento del nucleo.

Ritengo che la storia della famiglia era scritta nel libro della vita così come il desiderio e la necessità di procreare. Tale assunto lo dimostrano l'esistenza dei due sistemi endocrini sopracitati. La selezione naturale non lascia niente al caso. Se la vita e le relazioni tra individui sono iniziate con codeste fattezze (e la selezione naturale ha confermato il percorso) vuol dire che tutti i passaggi sono stati prerogativa della vita. Due grandi raggruppamenti ormonali hanno permesso che l'uomo giungesse fino ai nostri giorni. Oggi, l'uomo “moderno”, con le sue dottrine estemporanee - spesso avulse dai contesti evolutivi- non può e non deve sovvertire quello che da sempre è stato necessario: ossia la famiglia (anche separata) intesa come “strumento” indispensabile per il prosieguo dell'umanità e della civiltà.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 3141 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Il ministro Alfano e i fatti di sangue in famiglia: noi, meglio del mago Otelma

di FABIO NESTOLA - Adiantum prevede il futuro, abbiamo le prove. Il 10 marzo di quest’anno, commentando...

05/11/2014 - 16.05
Il ministro Alfano e i fatti di sangue in famiglia: noi, meglio del mago Otelma

Adesso denunciatemi ! - di Fabio Nestola

BAMBINI ALLONTANATI DALLE FAMIGLIE: argomento facile da trattare se si sceglie di osannare le...

13/08/2014 - 08.32
Adesso denunciatemi ! - di Fabio Nestola

I magistrati lavorino nelle loro stanze, non si impiccino di come si fanno le leggi

di MAX - Realativamente al dibattito sulla responsabilità dei giudici,bisognerebbe dissentire da...

17/07/2014 - 13.13
I magistrati lavorino nelle loro stanze, non si impiccino di come si fanno le leggi

Nuovo protocollo sui genitori in carcere: meglio farsi arrestare - di Fabio Nestola

In relazione alla espressione della genitorialità, in tutti i suoi ambiti, è in arrivo una...

26/03/2014 - 15.39
Nuovo protocollo sui genitori in carcere: meglio farsi arrestare - di Fabio Nestola

Sottrazioni internazionali: no alle dichiarazioni di principio, si alle soluzioni

di Fabio Nestola - Nei giorni scorsi ADIANTUM si è impegnata pubblicamente, insieme...

25/03/2014 - 14.19
Sottrazioni internazionali: no alle dichiarazioni di principio, si alle soluzioni

19 Marzo: a Mattino 5 la Bernardini De Pace attacca i padri. Strano ma non troppo

di Fabio Nestola - Curiosa, la puntata di MATTINO 5 del 19 marzo La festa del papà è stata...

20/03/2014 - 12.19
19 Marzo: a Mattino 5 la Bernardini De Pace attacca i padri. Strano ma non troppo


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 3 commenti


13.19  di mercoledý 04/09/2013
scritto da  scritto da Solazzo Maristella
Ho trovato questa fonte molto interessante per approfondire la mia tesi sulla famiglia moderna,oggi vista come una forma utopica di stabilitÓ familiare e sociale. Complimenti!

11.36  di domenica 20/05/2012
scritto da  Piero Mussi. Torino
Concisa ed efficace sintesi di elementi sociali psicologici e neuro - biologici. Complimenti !

19.47  di marted├Č 14/02/2012
scritto da  Maria Carolina Palma
Lo sguardo sulla famiglia proiettato molto lontano, addirittura a partire dalla famiglia ancestrale, conferisce un significato molto vigoroso al valore della famiglia, come sostegno energetico essenziale per ogni persona.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio