Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Genitori separati e figli: quali conseguenze nelle diverse eta´

Area Medico Scientifica


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Genitori separati e figli: quali conseguenze nelle diverse eta´

29/01/2012 - 22.42

Mi trovo spesso in studio con genitori che portano alla mia attenzione un figlio che manifesta alcuni disagi. Questo cambiamento repentino di atteggiamento del bambino nei confronti dei genitori crea una sorta di inquietudine che li spinge a cercare aiuto da uno specialista dell’età evolutiva. Il bambino viene perciò portato come sintomo primario di una situazione che, man mano, si scopre sempre più conflittuale ed in fase di rottura. Sto parlando di quei momenti di crisi che un nucleo familiare attraversa durante la separazione tra coniugi, che mette in discussione non solo l’equilibrio della coppia ma anche l’esistenza.

La coppia non esisterà più ma rimarrà una coppia di genitori di figli nati da quel legame. La quotidianità verrà sconvolta nei suoi ritmi, nei suoi spazi, nei suoi rituali: i coniugi dovranno riorganizzare la propria vita, la casa, le relazioni familiari ed extrafamiliari, ecc. Quello che si portano addosso saranno ricordi, dolori, lutti elaborati e non, della propria storia familiare; speranze deluse, sogni e progetti di vita che devono essere accantonati.

Ma in mezzo a tutto questo ci sono i figli, i bambini che, in queste situazioni, sono i più toccati e coinvolti perché comunque fanno parte della storia della ex-coppia, sono generati dalla ex-coppia e continuano ad essere, nel bene e nel male, il loro testimone ed il collante nel tempo. I bambini vengono sempre messi in gioco, anche se non manifestano particolari reazioni o addirittura mostrano sollievo ed indifferenza per una separazione preceduta da litigi e tensioni continue. Soprattutto nel caso di “cattive” separazioni la conflittualità può diventare traumatica e pericolosa per una sana evoluzione dei figli, nelle varie età.

Ecco, schematicamente, le difficoltà dovute a “cattive” separazioni durante i vari stadi di sviluppo evolutivo:

- gravidanza, primi mesi di vita: il bimbo può risentire degli stati emotivi della mamma e quindi nascere sottopeso o presentare ritardi nello sviluppo cognitivo ed emotivo;

- primi tre anni di vita: il bambino riesce a cogliere intorno a sé un ambiente affettivo fratturato, distruttivo, senza riuscire ad esprimerlo in parole e pensieri: il bambino esprimerà il suo disagio attraverso sintomi somatici, di malessere o di malattie vere e proprie. Inoltre ci può essere una regressione ed il bambino può diventare più timoroso, comportarsi come un bimbo più piccolo rispetto alla sua età effettiva, richiedere più attenzioni ed avere un sonno più disturbato. I cambiamenti (di casa, la mancanza di entrambi i genitori, una nuova baby sitter) possono portare a tipiche reazioni da stress: insonnia, nervosismo, ansia. Inoltre può accentuarsi la paura di abbandono anche da parte dell’altro genitore;

- dai 3 ai 6 anni di vita: il bambino non sa cosa sia una separazione ma si accorge che un genitore non è più in casa con lui e può pensare che se ne sia andato per colpa sua. In questa fascia di età possono diventare o molto ubbidienti (con il pensiero “se sono buono papà tornerà”) oppure diventare più aggressivi e ribelli. Alcuni possono negare agli altri la realtà e possono sentirsi responsabili dell’allontanamento del genitore da casa, specialmente se di sesso opposto. A quell’età infatti desiderano averlo tutto per sé e vivono con l’altro genitore un conflitto edipico;

- dai 6 ai 10 anni: i bambini possono provare rabbia, tristezza, nostalgia per il genitore che è andato ad abitare altrove. Se la conflittualità tra genitori è alta, alcuni bambini possono sentirsi divisi tra padre e madre. Può anche capitare che vengano trascurati e che vengano costretti ad assumere responsabilità troppo pesanti per la loro età;

- per i figli preadolescenti ed adolescenti: la separazione può causare problemi di contrasto con i valori morali che l’adolescente sta creando per sé stesso ed essere perciò in forte conflitto tra il bisogno di amare il padre e la madre e la disapprovazione del loro comportamento. Secondo studi clinici solo una minoranza dei figli di “cattive separazioni” esce fortificata dall’esperienza familiare, molti adulti invece risentono per tutta la vita della separazione dei genitori avvenuta durante la loro adolescenza.

Quando dei genitori si rivolgono allo specialista per un aiuto ai loro bambini è importante decodificare la richiesta. Ascoltare i genitori che, chiedono spesso solo di essere un BUON genitore scordandosi di essere in primis un buon adulto; aiutarli allora a rimettere in moto la parte sana genitoriale e rimettere i bambini o i ragazzi nel suo ruolo di figli, sgravandoli da disagi che non dovrebbero essere loro. Importante il “linguaggio” che si usa per comunicare che dovrebbe essere comune a genitori e figli e che passa non solo dalle parole ma anche dal cuore. Per ultimo, ma non meno importante, l’ascolto dei bambini che sanno già, dentro di sé, cosa è meglio per loro e spesso possono dare soluzioni in un contesto sereno e neutro, senza il timore di doversi schierare con l’uno o con l’altro. Il percorso terapeutico con i bambini li aiuterà a dar parola ai sentimenti, a decolpevolizzarli, ad accogliere la loro sofferenza senza giudizi o risposte.

 

Dott.ssa Silvana Perrone


Fonte: www.rovigomedica.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 9261 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Rapporto sul fumo in Italia: un adolescente su cinque fumatore abituale

In Italia fuma più di un adolescente su cinque: nella fascia d’età tra i 15 e i 24...

14/07/2014 - 12.01
Rapporto sul fumo in Italia: un adolescente su cinque fumatore abituale

Statistiche del servizio 114: le emergenze che non fanno rumore - di Sara Pezzuolo

Il servizio 114 Emergenza Infanzia svolge la sua azione di aiuto nell’ambito delle emergenze che...

01/03/2014 - 11.38
Statistiche del servizio 114: le emergenze che non fanno rumore - di Sara Pezzuolo

False denunce di abuso sessuale. Tipologie di costruzione della calunnia

Nel complesso e sofferto universo delle separazioni coniugali e della frequente conflittualità...

01/10/2013 - 22.46
False denunce di abuso sessuale. Tipologie di costruzione della calunnia

La simulazione di stalking nelle vicende di separazione - di Maria Bernabeo

Con la nascita di normative specifiche sul fenomeno stalking si inizia a registrare una preoccupante...

24/07/2013 - 17.00
La simulazione di stalking nelle vicende di separazione - di Maria Bernabeo

Confronto tra protocolli e linee guida in materia di affidamento dei figli

Nell’ambito della psicologia forense spesso gli psicologi sono chiamati ad occuparsi di consulenze...

17/06/2013 - 18.05
Confronto tra protocolli e linee guida in materia di affidamento dei figli

Calabria, uccidere a 16 anni. Pressati dai media, adolescenti in cerca di se stessi

Accade in Calabria (Italia): a 16 anni uccide a coltellate la propria fidanzatina e ne brucia il corpo....

26/05/2013 - 10.19
Calabria, uccidere a 16 anni. Pressati dai media, adolescenti in cerca di se stessi


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 2 commenti


19.10  di martedì 19/03/2013
scritto da  Alb
Credo che hai perfettamente ragione. Si definisce che uomo e donna hanno per tutto gli stessi diritti e poi si scorda in caso di affidamento dei figli questa regola. Bisona approfondire il rapporto che c´Ă¨ stato, capire bene la causa e affidare il bambino al genitore che realmente è disponibile a dare il 100% di se stesso al bambino. E´ ora di finire che la maggior parte delle donne si sentano tutelate dal legislatore. Naturalmente ci sono sempre casi contrari in cui il padre non assolve ai suoi doveri. Troppi padri stanno soffrendo !!!!!!

12.28  di venerdì 03/02/2012
scritto da  Michele C.
....Sono un padre separato da cinque anni e due mesi , convengo con ciò che dice la dott.ssa Perrone , bisonerebbe essere prima che un buon genitore , un buon adulto , è quello contro il quale ho dovuto combattere in questi anni , a causa di una ex-moglie ,
dico ex-moglie in quanto è il mio cuore a parlare , e quindi rifiuta totalmente il comportamento avuto nei miei confronti ,a livello sentimentale e nel profondo dell´essere , lei si è sempre ritenuta una buona madre , ma non ha mai pensato ad essere un amadre consapevole , nel non voler usare il minore a lei affidato per problemi logistici ante-separazione e in un secondo luogo post-separazione , come un´arma verso il genitore non collocatario ,....spero che le condizioni di legge si ravvedano, nelle figure dei magistrati destinatari di questo commento , defraudatari di un´intimitĂ  ed unitĂ  familiare sgretolata dai loro nefasti ed intransigenti giudizi , ma comunque viziati da decisioni , privi di attenzione e imparzialitĂ  ai fini meramente di tutela del minore parte lesa nei loro inoppugnabili pareri....!!!!!!

Distinti saluti Michele C.


1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio