Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Caso Adornato, lettera al Presidente del Consiglio: ´aiuti tutti quelli come me´

Le Associazioni raccontano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Caso Adornato, lettera al Presidente del Consiglio: ´aiuti tutti quelli come me´
Adornato e i suoi sostenitori

11/08/2011 - 16.09

Onorevole Presidente del Consiglio. Mi chiamo Fabrizio Adornato, e sento il dovere in via preliminare di farle una precisazione: queste accorate pagine sono dettate unicamente dall’amore per una figlia nei confronti della quale non mi è consentito nei fatti di esercitare il ruolo di padre come vorrei e come dovrei.

Sono un quarantaseienne Maresciallo Capo dei Carabinieri in servizio presso il nucleo CC Banca d’Italia di Genova, che Le fa presente quanto segue:

Dal 24 maggio c.a. mi trovo a Roma, “costretto” per la seconda volta a sostare presso il Quirinale, per una forma di protesta civile e non violenta, tendente a sensibilizzare il Presidente della Repubblica - in qualità di comandante supremo delle Forze Armate, nonché presidente del CSM - circa il mio calvario giudiziario.

Denuncio un degrado insostenibile sotto ogni profilo: giudiziario, psico-emotivo, economico, relazionale.

Il mio grido di dolore acquista una valenza particolare: in quanto militare dell’Arma ho dedicato la mia vita a servire la Giustizia, dalla quale però ho ricevuto in cambio solo vessazioni.

Tale protesta infatti prende vita dalle ripetute ingiustizie di cui sono stato attore passivo, dal 2001 sino ad oggi. La corposa documentazione, completa di tutti i dettagli, è consultabile sul mio blog eremita65.blogspot.com. Utilizzo il blog come vetrina liberamente accessibile (almeno sino a quando non verrà oscurato dall’alto), proprio per mettere a conoscenza l’opinione pubblica delle nefandezze compiute da una parte della magistratura genovese che coscientemente mi penalizza con accanimento, nella mia vita privata e professionale. Questo mi ha portato a formulare precise accuse (10 denunce) nei confronti di magistrati ed avvocati.

Ho deciso di effettuare questo tipo di protesta pubblica per chiedere aiuto al Presidente Napolitano.

Il primo passo in tal senso è una mia lettera, datata 2/11/2010, alla quale il Quirinale rispondeva con una nota-standard: una mini lezione di giurisprudenza spicciola e banale con cui si dichiarava l’incompetenza del Capo dello Stato che, non potendo intervenire direttamente, avrebbe però provveduto ad inviare la documentazione al CSM.

Non ricevendo alcuna comunicazione dal CSM, nonostante a dicembre 2010 mi sia recato di persona a Palazzo dei Marescialli per chiedere lumi circa l’iter della pratica, nel mese di marzo 2011 decidevo di dare inizio alla protesta pubblica, tramite uno sciopero della fame presso il Quirinale protratto per circa 20 giorni.

Non potendomi assentare ulteriormente dal Servizio, alla fine di marzo facevo ritorno a Genova, speranzoso che il mio gesto avesse sensibilizzato il primo cittadino italiano, ma soprattutto gli organi competenti.

Purtroppo questa mia speranza è rimasta tale in quanto nulla è progredito verso l’applicazione della Giustizia.

Ahimè, infatti, quella parte della magistratura che nel succitato blog definisco “gli intoccabili”, ha dato ulteriore dimostrazione di quanto anche Lei, On. Presidente, sostiene da anni: la magistratura in Italia non funziona.

La prego di credermi, è esattamente ciò che pensa una larga fetta della popolazione italiana.

Quotidianamente decine di migliaia di persone come me, genitori separati, subiscono sulla propria pelle l’accanimento ingiustificato da parte di queste persone, che solo in via teorica sono portatori di giustizia. 

In data 24 maggio, come detto in precedenza, sono tornato a Roma per riprendere la protesta pubblica basata sullo sciopero della fame.

Dopo altri 33 giorni e due ricoveri in ospedale, sospendevo lo sciopero della fame continuando però il presidio nei pressi del Quirinale, che nonostante tutto ha continuato ad ignorarmi.

Attualmente ho innalzato la soglia della protesta, decidendo di rimanere ad oltranza anche di notte, pernottando nei pressi dell’ingresso principale delle Scuderie del Quirinale con tanto di sedia a sdraio e coperte.

La mia vicenda ha acquisito una risonanza nazionale ed internazionale che è andata oltre ogni mia intenzione. Diverse associazioni del privato sociale sostengono la mia iniziativa e diffondono aggiornamenti quotidiani

Siti, blog e socialnetwork dedicano enormi spazi: inserendo Fabrizio Adornato sui motori di ricerca appaiono oltre 38.000 pagine dedicate.

Il mio non è certo un caso isolato: sono divenuto involontariamente l’emblema di un disagio sociale diffuso, che abbraccia una moltitudine di persone.

Le disfunzioni della Giustizia in materia di Diritto di Famiglia coinvolgono, secondo stime prudenti, circa un terzo della popolazione residente: 20 milioni di persone, tra coinvolgimento diretto ed indotto (figli, genitori, nonni, zii, cugini etc.)

Alcuni organi di stampa, alcune radio e tv locali hanno trattato la vicenda, sfidando il timore di denunciare storture della magistratura.

Le associazioni che mi sostengono hanno inviato a più riprese lettere ufficiali, sia via mail che cartacee, sia inviate per posta ordinaria che consegnate a mano all’Ufficio Protocollo del Quirinale.

Nessuno ha mai ottenuto la benché minima risposta.

A due recenti sollecitazioni telefoniche da parte di Presidenti di Associazioni, il Colle ha risposto di non sapere nulla della vicenda, ne’ tanto meno della mia presenza a Roma.

Una grossa cassa di risonanza da parte della stampa nazionale, però, è resa difficile – se non impossibile – dal muro di gomma che magistratura e Presidenza della Repubblica hanno innalzato sulla mia vicenda.

Evidentemente la mia protesta da fastidio, perché tocca i Poteri Forti e perché è basata su prove incontestabili, quindi va oscurata.

Tre diverse interpellanze parlamentari, presentate in entrambi i rami del Parlamento da esponenti sia di maggioranza che di opposizione, chiedono chiarimenti al ministro della Giustizia. 

Tutto ciò, Onorevole Presidente, Le fa comprendere quanto forte possa essere il disprezzo che il Palazzo ha dimostrato e continua a dimostrare nei miei confronti sotto molteplici aspetti: come padre, come Carabiniere e come cittadino italiano.

Preciso inoltre di aver tenuto da sempre un comportamento ineccepibile sotto ogni aspetto, elemento che ha indotto l’Arma dei Carabinieri a non ostacolare questa mia forma di protesta, permettendomi di compiere un gesto che mai prima d’ora nessun militare della Benemerita aveva fatto.

L’ho citato come premessa, ma sento di doverlo ribadire: l’amore nei confronti di mia figlia, la paternità negata e la dignità calpestata sono le molle che mi hanno spinto ad iniziare questa mia protesta ed ora a cercare il Suo aiuto. Conscio del fatto che, come perseguitato giudiziario e come padre separato Lei comprenda benissimo come io cerchi di sopravvivere con la morte nel cuore, Le chiedo – per quanto possibile – di intervenire per porre rimedio a questa situazione, rendendomi fin da subito disponibile per ogni ulteriore chiarimento che potrà dimostrare inequivocabilmente come sia in possesso di numerose prove circa i reati compiuti ai miei danni dai magistrati oggetto delle mie denunce, che peraltro si sono ben guardati dal contestare le mie accuse querelandomi per calunnia, diffamazione o altro.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 5191 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Anche a Trieste sarà attivo un punto di riferimento per i genitori separati, nato per tutelare i figli minori coinvolti nelle...
14/03/2017 - 09:54
Gesif Onlus, a Trieste un nuovo centro di sostegno per i genitori separati

Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Nell’assemblea del 20 gennaio tenuta a Roma presso la sala Luigi Di Liegro di Palazzo Valentini, Adiantum – Associazione di...
29/01/2017 - 11:57
Adiantum, il prof. Villanova nominato nuovo responsabile scientifico

Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Lo scorso 7 dicembre, al Liceo Mascheroni di Bergamo, si è tenuta la seconda edizione degli anuali “Adiantum Community...
30/11/2016 - 11:48
Un successo gli Adiantum Community Awards 2016 di Bergamo

Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

Sabato 15 ottobre alle ore 17, Adiantum – Associazione di Aderenti Nazionale per la Tutela dei Minori –...
11/10/2016 - 17:12
Ardea, sabato 15 apre lo sportello di consulenza familiare Adiantum

ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

In crescita ADIANTUM nel Lazio. Il coordinatore nazionale Massimiliano Gobbi, infatti, ha annunciato l'apertura della delegazione...
05/10/2016 - 15:48
ADIANTUM cresce ancora nel Lazio: nuova delegazione ad Ostia e nuova sede ad Ardea

Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale

L'associazione per la tutela dei diritti dei bambini italiani sottratti illegalmente in Slovacchia cambia denominazione e obiettivi...
29/09/2016 - 12:10
Sottrazioni di minore in Slovacchia: cambio di nome. Il 29/9 il tema al Quirinale


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 13 commenti


15.27  di luned├Č 05/09/2011
scritto da  Massimo Rosini
perch├Ę non facciamo tutti come Fabrizio. Uno possono ignorarlo, cento o mille .... voglio vedere!

23.42  di marted├Č 23/08/2011
scritto da  jerome
resisti..facciamo uscire questo paese dal medioevo

10.19  di luned├Č 22/08/2011
scritto da  Rosa
Grande Fabrizio!!! Chi la dura la vince... e di solito la "durano" e la "vincono" coloro che hanno il potere, ma noi combatteremo ad oltranza... Non assisteremo impotenti a questo massacro... e alle ingiustizie... Svegliamoci!!! Uniti ce la faremo!!!

23.59  di domenica 21/08/2011
scritto da  Stefano
A che punto e´ il ddl 957. Forse dovremmo tutti noi mandare ogni giorno una mail a tutti i parlamentari e al nostro Presidente Napolitano per sollecitare un intervento. Siamo di fronte ad una tragedia umanitaria molto simile all´apartheid che ha colpito il sud Africa per lunghi decenni.

01.38  di sabato 20/08/2011
scritto da  fabio Mi
Purtroppo questo dramma continua nonostante la L.54/2006, applicando modelli preesistenti.
Tutta la mia solidarietà a padri e madri che di affidamento condiviso hanno solo la forma, continuando ad applicarsi la collocazione prevalente e derogando al mantenimento diretto dei figli.
raccogliere le firme mi sembra una buona idea.
P.s.: A che punto ├Ę il DDL 957?


1 - 2 - 3


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2019 - Codice Fiscale: 97611760584