Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Sono una mamma, e mi chiedo perchè i papà non abbiano le mie stesse opportunità

Osservatorio sul Condiviso


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Sono una mamma, e mi chiedo perchè i papà non abbiano le mie stesse opportunità
uomini e pari opportunità di cura dei figli

12/04/2011 - 14.30

Spettabili giudici, scrivo a Voi, per chiederVi perchè la giustizia si applica soltanto unilateralmente, ossia a favore solo delle mamme e discriminando sempre e comunque i papà. Secondo Voi, i padri, ossia l'altro genitore di un figlio o figlia che sia, non ha diritto di vedere questi ultimi, tanto e quanto una madre? Sempre secondo Voi, dov'è la differenza? Un padre non può essere equiparato ad una madre?

Secondo Voi, è giusto che una madre usi i figli come arma di ricatto per avere soldi e che si avvalga di pediatri accondiscendenti per inventare malattie quanto mai sintomatiche e fantasma, solo per non far vedere i figli ai padri? Secondo Voi, è giusto che un padre, non veda il proprio figlio per 30 giorni, perchè esistono, sempre secondo le madri, feste a cui non possono assolutamente rinunciare i bambini?

Secondo Voi, la festa è più importante del diritto bilaterale del padre e del figlio? Secondo Voi, la crescita psicologica serena di un bimbo non è più importante di tutto? Secondo Voi, è giusto che i bambini non abbiano il diritto di crescere anche con l'altro genitore in tempi e parti uguali? Secondo Voi, è giusto che sia stata fatta una legge per affido condiviso e che non venga rispettata? E sempre secondo Voi, non sarebbe giusto, che Voi facciate rispettare la legge fino in fondo, sempre e comunque, e non una tantum che leggiamo raramente sui quotidiani, dando pari opportunità anche ai padri?

Secondo Voi... potrei andare avanti all'infinito.... mi fermo qui e Vi invito a riflettere su questa mia mail, so che non mi risponderete,ma vorrei che consideraste i padri alla stessa stregua delle madri, perchè, "si dice", i genitori sono sempre due, mai uno solo che ha il potere decisionale sui figli.

Vi potrà sembrare strano ma, non sono un padre, sono una madre che, avendo da vecchia data ancora l'affido esclusivo, non ha mai dato modo al padre di mio figlio chiedere l'affido condiviso, perchè non gli ho mai vietato di vedere, di crescere e di decidere il figlio e per il figlio, perchè, vorrei scriverlo in maiuscolo, ma non so se la redazione lo permette: è un genitore anche lui! Grazie dell'attenzione e grazie alla redazione del Messaggero per l'opportunità fornita di dire la nostra.

 

Una mamma


Fonte: ilmessaggero.it

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia stata letta 1775 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


False accuse, interessi e uso strumentale dei figli: il M5S presenta interrogazione

Anche il M5S, per bocca dei suoi parlamentari Pepe, Casaletto e Campanella, sollecitano il Ministro...

05/07/2014 - 16.26
False accuse, interessi e uso strumentale dei figli: il M5S presenta interrogazione

Decreto Filiazione, storia di una involontaria coincidenza. Noti esecutori e mandanti

Ora che son passati due mesi dalla porcata di capodanno, si ha la sensazione che quanti hanno scommesso...

03/03/2014 - 18.43
Decreto Filiazione, storia di una involontaria coincidenza. Noti esecutori e mandanti

Il cinico tribunale dei minorenni di Roma... - di Giuseppe Augello

Fino al 2011 c’era un bambino che aveva un rapporto di grande attaccamento al padre, nonostante le...

03/01/2014 - 13.45
Il cinico tribunale dei minorenni di Roma... - di Giuseppe Augello

Al tribunale dei minori di Roma conta solo limitare la frequenza con i figli

di Fabio Nestola. Ci risiamo. Il principio di bigenitorialità proprio non riesce ad entrare nel...

13/11/2013 - 15.36
Al tribunale dei minori di Roma conta solo limitare la frequenza con i figli

Il Sistema non riconosce il proprio ruolo nel costruire i conflitti tra genitori

di Fabio Nestola. "C’è una forte conflittualità...",...

04/10/2013 - 18.08
Il Sistema non riconosce il proprio ruolo nel costruire i conflitti tra genitori

Il diritto dei figli al vero affido condiviso deve essere asessuato

Da più parti, dati alla mano, piovono dubbi velati (ma non troppo) sull’imparzialità...

13/07/2013 - 11.56
Il diritto dei figli al vero affido condiviso deve essere asessuato


Le Notizie pi Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


14.24  di lunedì 01/08/2011
scritto da  Maurizio
Grazie, la tua testimonianza fa onore alle Donne come te con la D maiuscola, ma soprattutto alle MAMME quelle vere che pensano al bene dei figli...perché nella vita tutti possiamo sbagliare, si divide la coppia coniugale, ma si rimane comunque è per sempre genitori, e si deve pensare solo al bene dei propri figli e non usarli come scudi umani verso l´EX coniuge... sono un padre Separato è faccio fatica a vedere i miei figli per questo motivo..

combatterò per il bene dei MIEI figli, perché hanno tutto il diritto di avere un PADRE al loro fianco


08.37  di giovedì 16/06/2011
scritto da  zenti roberto
Buon giorno, devo dire che ciò che hai scritto mi ha colpto molto.......però sei una mosca bianca. Finche i signori giudici continueranno ad applicare l´affidamento condiviso, secondo un loro strandard....non si capisce bene imposto da chi e senza pagare le conseguenze delle loro azioni che spesso portano alla totale rovina di uno dei due genitori (generalmente i padri) con conseguenze spesso disastrose che poi leggiamo nei gionali o sentiamo ai vari tg, continueremo ad avere un affidamento condiviso falso, inefficente e del tutto inutile.... alla fine comunque chi ne fà le spese realmente sono i nostri figli che spesso si trovano a perdere il contatto giornaliero con il genitore che viene allontanato....al quale vengono tolti i più elementari diritti di poter crescere un figlio o una figlia con tutto l´amore possibile e serenamente. E´ bello leggere su di un pezzo di carta rilasciato da un tribunale a firma di un giudice che emette le prime disposizioni che poi diventano perpetue, (il padre, può vedere liberamente la figlia, (previ accordi con la madre) e già il liberamente va a farsi fottere (chiedo scusa per il termine) e poi liberamente come.....se non si ha più un posto dove poter stare con i propri figli e questa cosa, spesso porta il genitore non collocatario (altro termine inventato di sana pianta dai nostri cari giudici)ad allontanarsi sistematicamente dai figli.... si ci si allontana a nostro malgrado dai figli, perchè poi si deve anche pensare a vivere in un modo o nell´altro..... non è bello per un genitore, non sapere dove poter stare con i propri figli serenamene, anche solo per trascorrere una serata con loro. Comunque grazie per la tua testimonianza......di madri come te ce ne dovrebbero essere di più...quando qualche signora capirà che i figli non sono uno scudo di protezioe per ottenere tutte le agevolazioni del caso forse si comincerà ad avere l´affidamento condiviso reale. Fermo restando che nelle separazioni i signori giudici dovrebbero, prima di tutto leggere le carte processuali e poi valutare caso per caso i motivi che portano ad una separazione...perchè ogni separazione è un caso a se e non uno standard da applicare a propria convenienza e per non perdere tempo, i "GIUDICI" sono pagati per essere al di sopra delle parti e a fine mese quando percepiscono i loro lauti stipendi dovrebbero rendere conto del loro operato e se hanno sbagliato....via a casa a fare qualsiasi altra cosa...ma non certo i giudici... da loro dipende la vita di una famiglia che si sfascia e il futuro dei figli, troppo spesso contesi.... Ciao..... Roberto.

20.39  di mercoledì 25/05/2011
scritto da  angelo
Grazie per la tua testimonianza equilibrata ed accorata, spero che si arrivi ad un quadro legislativo e giuridico che possa portare equità e serenità (per quanto più possibile)anche per gli uomini separati. Per la coscienza pubblica lasciati dire che sei un fulgido esempio! Grazie

18.31  di lunedì 25/04/2011
scritto da  Rosa
Sei una vera madre... Ami i tuoi figli e sai che hanno bisogno dell´affetto di entrambi i genitori... I tuoi figli, un giorno, ti ringrazieranno e ti ameranno ancora di più. Grande!

10.45  di mercoledì 13/04/2011
scritto da  Massimiliano
Cara Mamma,grazie per la sua testimonianza, i perchè sono tanti poichè tanti sono i soggetti coinvolti..e purtroppo non tutti questi soggetti guardano all´interesse primario...ma ci saranno anche soggetti che tirano l´acqua al proprio mulino...
Oggi si sta diffondendo una certa coscienza del problema, e la cosa positiva è la presa di posizione anche delle donne...alcune mamme, altre nuove compagne...ed altre ancora..
Come cambiare questa situazione? Non voglio pensare che i giudici abbiano un tornaconto personale da questa discriminazione...forse sono + mossi da antiche culture o comunque si fidano di teorie psicologiche che idealizzano la figura materna e ritengono che i trasferimenti da una casa all´altra siano nocivi sull´equilibrio dei figli...Cambiare questa concezione richiede uno sforzo di tutti...uomini e donne...direi quasi che ogni uomo, ogni donna...deve scrivere una lettera al giorno come la sua a tutti i giornali ed ai politici, deve convincere altri uomini e donne a fare lo stesso...si spendono tanti soldi per cose futili..Un caffè al giorno sono almeno 60 centesimi....il costo di un francobollo!In fondo basta poco!


1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilit civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio