Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

ADIANTUM replica alla Mussolini: sugli effetti della PAS apriamo finalmente un dibattito

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


ADIANTUM replica alla Mussolini: sugli effetti della PAS apriamo finalmente un dibattito

26/01/2011 - 21.42

Replichiamo volentieri alle considerazioni dell’On. Mussolini. Tralasciando di analizzare l'opportunità politica di quanto dichiarato dalla parlamentare, limitarsi a dire “PAS esiste”  o “PAS non esiste” ci sembra una modalità profondamente riduttiva per risolvere una questione ben più ampia.

Numerose riviste scientifiche, e tanti studiosi (italiani e stranieri) hanno trattato in tema di PAS. Tra alcune di queste vale la pena citare “The American Journal of  Family Therapy”. Tale rivista è l’organo ufficiale per l’Associazione della Terapia Familiare e Sistemica in Gran Bretagna i cui articoli, prima di essere pubblicati, vengono sottoposti ad un’attenta e seria critica.

In Italia purtroppo la ricerca non sta attraversando un momento felice, e questo vale non solo per le scienze nel campo della psicologia. Se in Italia mancano studi scientificamente rigorosi, giocoforza dobbiamo documentarci studiando la letteratura internazionale di riferimento. Questo accade per tutte le discipline inclusa, ad esempio, quella medica. Se un ricercatore americano fa un’importante scoperta per la cura del cancro, questa non viene ignorata in Italia perché non è italiana.

Diversamente da quanto dice l’On. Mussolini, la contestazione della eventuale presenza di un qualsivoglia condizionamento posto in essere da uno dei due genitori  non va a discapito del minore ma, al contrario, lo tutela in forza di quel principio di autodeterminazione sancito anche dalla nostra Costituzione. Bisogna aggiungere, poi, che è sbagliato affermare che il genitore condizionante è quasi sempre di sesso femminile. Infatti, nei Paesi islamici avviene il contrario: l'alienante è normalmente colui che ha i figli materialmente in mano, e cioè il padre. 

Il confronto su tematiche del genere dovrebbe essere fatto a fronte di una documentazione scientifica e di dati. Chi sostiene l'esistenza della PAS - che poi è solo un’applicazione sui minori di quel condizionamento che nessuno si sognerebbe di contestare fra gli adulti, basti pensare alla sindrome di Stoccolma -, non lo fa certo per spaventare o creare terrorismo psicologico. A tutti noi farebbe piacere scoprire che non esiste la fame nel mondo perché viviamo in un paese in cui non si muore di fame,  ma dirlo perché sarebbe bello non vuol dire che la gente nei paesi del terzo mondo non continui a morire di fame !

La mancata ufficializzazione della esistenza della PAS non è dovuta ad uno scarso interesse per la problematica (anzi...), bensì è determinato da un’attenta analisi del materiale scientifico a disposizione. La prossima uscita del DSM-V è prevista per il 2012 ma forse giova ricordare che gli studi per la stesura del manuale sono e saranno in continua evoluzione (basti pensare che fino al DSM-III, nel manuale rientrava anche l’omosessualità che già nel DSM-IV e nel DSM IV-Tr, la versione attuale, non compare più).

Al momento attuale, all’interno del DSM, viene comunque presa in considerazioni nella sezione denominata “Altre considerazioni che possono essere oggetto di attenzione clinica”  - il “Problema Relazionale Genitore- bambino”, laddove si afferma “...questa categoria dovrebbe essere usata quando l’oggetto dell’attenzione clinica è una modalità di interazione tra genitore e bambino - per es. comunicazione compromessa, iperprotezione, disciplina inadeguata - che è associata ad una compromissione significativa del funzionamento dei singoli e della famiglia, o con lo sviluppo di sintomi clinicamente significativi nel genitore o nel bambino......”.

Secondo Fabio Nestola (Fenbi), in merito all'affermazione secondo cui "...potrebbe accadere (...) che qualora un minore si trovasse per sua disgrazia ad avere un genitore violento, se ne parlasse e lo denunciasse, potrebbe essere accusato di essere stato indotto dall’altro genitore e di non dire la verità. Con la conseguenza di essere allontanato dal genitore di cui invece si fida...", essa appare come un'analisi quantomeno superficiale. Non è sufficiente che un genitore si metta a strillare "c´è la PAS, c´è la PAS !" per avere un figlio in affido.

Chi può essere così ingenuo da pensarlo ?

La PAS, quando c´è, deve essere riconosciuta da consulenti appositamente formati, lo stesso giudice non ha la preparazione accademica per distinguere un bambino spontaneo da uno manipolato.

Allora ci si dovrebbe chiedere "chi ha paura che gli specialisti possano riconoscere la manipolazione di un genitore ai danni dell´altro ?", oppure "chi ha paura di riconoscere che la manipolazione è a tutti gli effetti un maltrattamento sui minori ?"

Il fatto che in Italia ADIANTUM porti a conoscenza situazioni di pregiudizio per i minori quali quelle del conflitto tra gli ex coniugi, di condizionamento sui minori (vedi anche l’ultima sentenza della Cassazione  sentenza n. 250 del 10 gennaio che condanna chi pressa la psiche dei minori), non dovrebbe far preoccupare il mondo degli adulti visto che, come ci piace pensare, abbiamo questo mondo in prestito proprio per lasciarlo ai nostri figli, e quello che vogliamo per loro è che siano liberi di pensare, di credere e di sognare.

La nostra associazione non si occupa di "protezionismo di genere maschile". In ADIANTUM convivono tranquillamente associazioni di papà e associazioni di mamme, e tutte insieme difendono il diritto dei minori a crescere nella propria famiglia e promuovono in ogni campo la bigenitorialità. Ogni caso sottoposto all’attenzione dei professionisti che collaborano con l’Associazione viene attentamente vagliato e studiato proprio per tutelare il minore.

Quando coloro che sostengono la non esistenza della PAS lo faranno e lo dimostreranno su un piano scientifico, saremmo ben lieti di dire che la PAS non esiste.

A tutti noi sarebbe piaciuto affermare che il Brasile ha sbagliato quando ha formulato una legge specifica contro la sindrome di alienazione genitoriale (26.08.2010 legge 12.318-10), e la stessa cosa avremmo voluto fare quando la regione Liguria ha deliberato l’approvazione degli “Indirizzi in materia di maltrattamento, abuso e sfruttamento sessuale a danno dei minori” che prevedono la deprivazione genitoriale e la sindrome di alienazione genitoriale.

Onorevole Mussolini, la realtà, purtroppo, è un altra, e non è quella che le è stata riferita.

In ogni caso, l'obiettivo di ADIANTUM non è certo quello di dare una mera definizione di specie ad un fenomeno clinico - questo lo farà la Comunità Scientifica internazionale -, bensì quello di stabilire, una volta per tutte, che portare un bambino ad avere atteggiamenti immotivati di totale rifiuto affettivo verso uno dei genitori è una gravissima forma di maltrattamento sul minore e una inaccettabile violenza sul genitore alienato.

La nostra replica, assolutamente dovuta, non inganni: abbiamo realmente apprezzato il suo interessamento sul tema, e riteniamo che sia stato utile all'apertura di un dibattito più approfondito. Auspichiamo un tavolo tecnico, a cui possano partecipare tutte le voci, anche quelle più in antitesi, al fine di trovare punti da condividere e fare chiarezza, sotto l'alto patrocinio della Commissione da Lei presieduta.

 

VITTORIO VEZZETTI - SARA PEZZUOLO (ADIANTUM Area Scientifica)

ANDREA CARTA (Presidente Turnario) - ALESSIO CARDINALE (Segretario Nazionale)


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 4614 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

A leggere certa roba viene il voltastomaco. 

Ormai, nel dilagante...

09/08/2017 - 07:09
Lo sciacallaggio mediatico del Manifesto e la crociata femminista della Romanin - di Fabio Nestola

AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Oh, ecco com’è stata recepita dal Ministro la vibrante protesta AIAF.....Il MIUR riconosce che...

02/05/2017 - 13:34
AIAF si indigna per le linee guida di Brindisi, Orlando risponde: lavoriamo per il Condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la...

11/04/2017 - 11:51
Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

AIAF, guerra o pace? - di Fabio Nestola

Non si placa il polverone sul tribunale di Brindisi, colpevole di emanare delle linee guida senza...

26/03/2017 - 19:19
AIAF, guerra o pace? - di Fabio Nestola

AIAF, attenzione, un hacker sta spacciando per vostro un falso comunicato! - di Fabio Nestola

Sorge un legittimo dubbio nel leggere il comunicato stampa dell’AIAF, un testo col quale gli...

13/03/2017 - 10:06
AIAF, attenzione, un hacker sta spacciando per  vostro un falso comunicato! - di Fabio Nestola

Se questi sono giudici....

Ore 08.30. Attendo che arrivi la Circumvesuviana per recarmi in udienza. Sono separato, e devo andare in...

12/12/2016 - 17:06
Se questi sono giudici....


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 6 commenti


13.24  di lunedì 18/04/2011
scritto da  Giovanni
Perchè invece di chiedere di dimostrare che la PAS non esiste non dimostrate che esiste, con argomenti scientifici convincenti e non con le chiacchiere, voi che la sostenete?
Il motivo è molto semplice ed è che si tratta di una teoria ad uso strumentale che scienziati più seri di quelli che si cercano una nicchia dove lucrare riconoscono come tale e scartano.

04.33  di lunedì 31/01/2011
scritto da  Massimo Rosini

Ha ragione Max. Anche ieri appena Vezzetti ha provato a tirare fuori l´esperienza svedese la gentildonna la cui stirpe tanto bene ha fatto all´Italia, lo immediatamente interrotto "lasciamo perdere la Svezia che ha il record dei suicidi ..." Evidentemente era "fuori tema".


19.05  di giovedì 27/01/2011
scritto da  Massimo Rosini
Bello ottimo articolo. Il problema è che la Mussolini non ci ha capito un accidente così come suo nonno non aveva capito che nel deserto i carri armati necessitavano di filtri antisabbia e che il ferro dei chiodi degli scarponi degli alpini in Russia era un ottimo conduttore del freddo .... ahimè speriamo di non dover sopportare oltre questa perniciosa progenie ...

11.48  di giovedì 27/01/2011
scritto da  Eleonora di Tu sei mio figlio.
Complimenti e speriamo il buon senso sopravvalga su ogni illazione a riguardo del vero "senso" di questa temuta e mal compresa PAS....grazie ADIANTUM insieme di persone di grande volontĂ  nel pieno assoluto rispetto e unico interesse che accomuna tutte le associazioni aderenti, la vera TUTELA del Minore,senza se e senza ma,a discapito di ogni incomprensione,utile a far chiarezza e ben lieti di confrontarci.
Grazie a tutti e se ritornassimo un pò bambini ...forse avremmo meno dubbi e più certezze!

11.35  di giovedì 27/01/2011
scritto da  Max

Invece sulla PAS (qualunque cosa essa sia) bisogna aprire discussioni, e non tanto su quello che essa era per Gardner, o per Gulotta. Niente di scientifico, per carità (vade retro) ! BISOGNA PARLARE, CON LA MUSSOLINI E CHI LEI STA RAPPRESENTANDO, DEGLI EFFETTI CHE SI VEDONO SUI BAMBINI E SUI GENITORI. Discutendo sugli effetti, si potrà parlare di maltrattamento e di violenza, finalmente. Ma vi siete accorti quanto queste detrattrici parlano sempre della c.d. PAS ?!! Lo fanno apposta, carissimi miei, perchè così distraggono l´attenzione dal suo contenuto di abuso e violenza. Capite ?!! E´ una tecnica di comunicazione di massa elementare, ma sempre efficace (per chi ci casca..)



1 - 2


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2017 - Codice Fiscale: 97611760584