Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

Un assistente sociale impiega 7 mesi per una relazione. La pena ? 6 giorni di sospensione

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


Un assistente sociale impiega 7 mesi per una relazione. La pena ? 6 giorni di sospensione

09/01/2011 - 21.22

E' questa la "sconcertante" sanzione che l'Ordine degli assistenti sociali - Consiglio Regionale del Lazio - ha applicato ad una operatrice, rea, tra le altre cose, di aver fatto attendere una sua attesissima relazione per ben sette mesi. "Si comunica che in data 5 Ottobre 2010 questo Consiglio regionale, analizzando le risultanze dell'istruttoria compiuta dalla Commissione Deontologica Disciplinare, ha deciso di comminare alla professionista di cui all'oggetto la sanzione della sospensione dall'Albo per n. 6 giorni lavorativi...". Praticamente, una pacca sulla spalla e una vacanza-premio.

Ma vediamo un pò di cosa era stata accusata la dott.ssa R, riportando i brani salienti dell'esposto che FF, papà di tre figli, aveva presentato con dovizia di particolari.

"In data 18 gennaio 2010 l’Assistente Sociale, dott.ssa R, inoltrava alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma una relazione avente ad oggetto la situazione dei minori Y, D e G, figli del sottoscritto e della sig.ra MS; la suddetta relazione era stata richiesta dal Tribunale per i Minori, nell’ambito delle indagini sul nucleo familiare. Stante l’importanza della relazione in oggetto ai fini della decisione dei Giudici (è stato richiesto l’affidamento esclusivo dei figli al sottoscritto) si richiama l’attenzione dell’intestato Ordine sugli errori dei dati riportati, sulle imprecisioni, omissioni e violazioni delle norme del Codice Deontologico degli Assistenti Sociali.

la dott.ssa R, infatti, riporta nella propria relazione delle affermazioni che il sottoscritto, a suo dire, avrebbe fatto durante i colloqui con la stessa: ad esempio in ordine al disturbo di iperattività di cui soffre uno dei propri figli, a detta della dott.ssa R, il sottoscritto avrebbe affermato che la suddetta malattia sarebbe riconducibile alla situazione ambientale in cui vive insieme alla propria madre. Ciò non corrisponde a realtà, in quanto il sottoscritto è ben informato sull’eziologia del disturbo da iperattività e non avrebbe mai dichiarato una sua riconducibilità alla “situazione ambientale”;

la dott.ssa R afferma “ad un certo punto il sig. F decide di separarsi”. Questa affermazione è chiaramente un’interpretazione soggettiva di una situazione familiare che nel corso degli anni è andata via via deteriorandosi, tanto da portare alla separazione dei coniugi, separazione che è stata introdotta con il ricorso presentato dal sig. F, ma non riconducibile semplicemente ad una mera decisione del sottoscritto. La relazione della dott.ssa R, poi, riporta ampi stralci della CTU disposta nel corso del procedimento introdotto con il ricorso per la modifica delle condizioni della separazione dei coniugi presentato dal sottoscritto al fine di ottenere l’affidamento esclusivo dei propri figli. Secondo il Codice Deontologico degli Assistenti Sociali, una relazione di un Assistente Sociale dovrebbe avere i caratteri dell’autonomia ed essere fondata su uno studio ed un’osservazione propria dello scrivente, non riportare quanto già affermato da altri professionisti. Fermo restando che la dott.ssa R, riportando quanto affermato da un'altra professionista, se ne assume le responsabilità, se il Tribunale richiedente la relazione avesse voluto fondare le proprie considerazioni su una perizia già redatta, ben avrebbe potuto farlo, evitando così di aspettare ben oltre sette mesi la relazione della dott.ssa !

Le sedute, nel corso delle quali la dott.ssa R avrebbe dovuto, cosa che certamente non ha fatto, raccogliere delle informazioni in ordine alla situazione familiare, sono soltanto menzionate. In particolare, nella seduta del 14 dicembre 2009, il sig. F esponeva un quadro della situazione familiare che includeva fatti, certamente non trascurabili, che, seppur provati da registrazioni e fotografie non sono stati neppure accennati nella relazione, quali lesioni subite dalla piccola G in varie occasioni (un morso sul volto inferto dalla madre, una vasta escoriazione inferta sul volto dalla nonna materna il 28 novembre 2009; escoriazioni da graffio sull’addome e sul polpaccio di G, inferte dalla nonna materna, testimoniate da fotografie non menzionate nella relazione; un trauma facciale con parziale avulsione di un incisivo superiore in seguito a colpi inferti dalla madre sul capo di G). Pertanto, le dichiarazioni rese dal sottoscritto nel corso delle sedute non sono state prese in considerazione, anche se denunciavano una situazione familiare ed un contesto nel quale vivono tre bambini di rispettivamente 6, 8 e 10 anni, a dir poco inadeguato. Il sottoscritto aveva anche fatto delle registrazioni audio – video che testimoniavano chiaramente lo stato di degrado e di violenza in cui vivono i bambini con la loro madre e la loro nonna, registrazioni che la dott.ssa R si è rifiutata di acquisire. Inoltre, la visita domiciliare presso la casa della madre è stata fatta il 31 dicembre 2009, ben sei mesi dopo la richiesta del Tribunale per i Minori, tempo nel quale chiaramente la madre ha avuto tempo e modo di organizzarsi per rendere l’ambiente “vivibile”, anche se, la stessa dott.ssa R afferma: “ancora molto si potrà fare per migliorare la vivibilità della casa, soprattutto dal punto di vista igienico”. Nella descrizione dell’ambiente nel quale vivono i bambini si rinvengono frasi incongruenti come “ambiente caotico ma organizzato” e si rileva una tendenza accondiscendente alla drammatica situazione nella quale hanno sempre vissuto i figli del sottoscritto e nella quale continuano a vivere.

Appare quindi quanto mai evidente, una violazione dell’art. 47, in quanto la relazione è stata trasmessa ben oltre 8 mesi dopo la richiesta del Tribunale per i Minori - ed era inerente ad un’istanza richiedente un intervento urgente -, ma anche dell’art. 10, in quanto si fonda su stralci di altre perizie di altri professionisti e non “sull’indipendenza di giudizio, sulle conoscenze proprie della professione e sulla coscienza personale dell’assistente sociale”, nonché dei principi generali di deontologia professionale.

Ma non è tutto.

La dott.ssa R, a fronte di una dovuta “attenta osservazione” che dovrebbe in generale caratterizzare l’esame di un nucleo familiare ai fini della redazione di una perizia, ha incontrato il papà, insieme ai propri figli, alcuni anni orsono, per soli 10 minuti, durante la visita domiciliare presso la residenza paterna.

Nonostante la superficialità della suddetta osservazione, la dott.ssa R, emette un quadro relazionale complesso ed articolato, la cui stesura avrebbe meritato ben più sedute di osservazione, violando in tal modo gli artt. 5, 6 ed 8 del proprio codice deontologico ed incorrendo, con la propria condotta, a parere dello scrivente, in violazioni tali da configurare una fattispecie penalmente rilevante, avendo agito con negligenza, imprudenza ed imperizia ed inosservanza di leggi, codici e regolamenti.

Inoltre la dott.ssa R, nelle proprie conclusioni, “propone”, mentre, a parere del sottoscritto e da quanto si evince dal Codice Deontologico degli Assistenti Sociali, gli Assistenti Sociali devono soltanto e nell’ambito delle loro acquisite conoscenze, relazionare, non rientrando tra i loro compiti quello di “proporre”.

In particolare, la R avalla un affido esclusivo, in difetto di elementi probatori, violando l’art. 5 (dignità delle persone), l’art. 6 (servizio persone e famiglie) e l’art. 8 (discriminazione) del proprio Codice Deontologico, e “suggerisce” precisi orari di visita dei minori, essendo ben consapevole che il sig. F svolge lavoro turnante e non dispone di orari e giorni fissi liberi, violando l’art. 14.

Da ultimo, ma certamente non per importanza, a pag. 16 la dott.ssa riporta una considerazione che non corrisponde alla realtà: “alla luce di quanto sopra esposto, derivante da una conoscenza diretta del nucleo della durata di sei anni....”. Ciò è impossibile, essendo stata la dott.ssa R assente all’incirca quattro anni dal Comune di residenza del nucleo in questione.

Tutto ciò esposto, il sottoscritto sig. F chiede l’urgente intervento dell’intestato Ordine affinché provveda a prendere gli opportuni provvedimenti nei confronti della dott.ssa R, nonché a relazionare il Tribunale per i Minori ed il Tribunale Civile di Tivoli sulla validità, professionalità e fondatezza della suddetta perizia”.

La conclusione la conoscete. La massima che se ne ricava è che, lentamente ma inesorabilmente, gli assistenti sociali stanno diventando come i magistrati civili, impuniti e corporativi.


Fonte: Redazione

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia č stata letta 5836 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


ADIANTUM e Angelilli: campagna Ue contro le sottrazioni internazionali di minori

Lo scorso 15 aprile, presso la sala stampa del Parlamento europeo di Strasburgo, il Vicepresidente della...

17/04/2014 - 19.04
ADIANTUM e Angelilli: campagna Ue contro le sottrazioni internazionali di minori

William Pezzullo e Lucia Annibali: vittime di uno stesso reato, ma per il Quirinale conta il genere

Nelle aule universitarie non ci hanno insegnato che la Giustizia può essere surreale. Poi abbiamo...

01/04/2014 - 23.48
William Pezzullo e Lucia Annibali: vittime di uno stesso reato, ma per il Quirinale conta il genere

I separati in politica ? La costituente di un partito non nasce senza coinvolgimento e democrazia

L'assenza di veri rappresentanti in Parlamento, diretta espressione di una categoria di persone,...

31/03/2014 - 21.15
I separati in politica ? La costituente di un partito non nasce senza coinvolgimento e democrazia

Decreto Filiazione, i funzionari del Ministero Giustizia a difesa della norma incostituzionale

ADIANTUM e FENBI sono state ricevute lo scorso 3 febbraio dal direttore dell'ufficio legislativo del...

05/02/2014 - 22.13
Decreto Filiazione, i funzionari del Ministero Giustizia a difesa della norma incostituzionale

Commissione Bianca, Rita Rossi: divelti i paletti e le pietre angolari del condiviso

E’ proprio il caso di dirlo. Il 7 febbraio prossimo le lancette della storia torneranno...

15/01/2014 - 12.46
Commissione Bianca, Rita Rossi: divelti i paletti e le pietre angolari del condiviso

ADIANTUM: un Parlamento di reazionari riscrive la Storia, noi la loro rielezione

Il Decreto sulla Filiazione varato dal governo e firmato dal Presidente della Repubblica il 31 dicembre...

31/12/2013 - 15.53
ADIANTUM: un Parlamento di reazionari riscrive la Storia, noi la loro rielezione


Le Notizie piů Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 5 commenti


08.41  di martedì 18/01/2011
scritto da  graziano
Felice che il giudice abbia insistito con la madre per la mediazione sperando che si riparasse al macroscobico squilibrio
di "visita" dei figli e dato massima disponibilitĂ  inviando all´assistente sociale fax di disagio che i nostri figli mi comunicano "perchè dobiamo stare così poco con te" lo stesso mi ha convocato in 8 mesi una volta sola e senza la madre dicendomi " e sa la madre non la vuole nemmeno vedere, questa è la sua condizione per la mediazione" che razza di mediazione è,
ad oggi sono passati altri 5 mesi senza essere mai convocato senza nemmeno rispondermi ai numerosi fax inviati alla direzione dei servizi sociali e non sono all´altezza del servizio


10.16  di martedì 11/01/2011
scritto da  anonima
un assistente sociale si permette a dire che sto una casa dove cio diversi appuntamenti con diversi uomini che mi mantengono. questo non e scritto in relazione...se voglio fare la querela?? i la detta al giudice...questo solo perche sono straniera...quando io mi sveglio di mattina e vado a lavoro... che schiffo di italia...vergogna!!! tutti possono fare quello che li pare ....basta che hanno un po di soldi nella tasca!!!che dobbiamo fare? scoppero della fame per diffendere i dirriti fundamentali...???....di essere genitori...i dirriti dei nostri figli di avere accanto i genitori!!!

21.15  di lunedì 10/01/2011
scritto da  Pino FALVELLI
Ma di cosa ci meravigliamo ? Qualche CTU ha addirittura presentato due certificati medici ove si attestava che il ritardo per la presentazione di una perizia era dovuto a malattia, ma poi ha chiesto il pagamento delle "vacazioni" proprio per il lungo periodo di malattia ed il giudice le ha tranquillamente riconosciute, ordinando la corresponsione della somma richiesta dal CTU. Sebbene sia stata fatta un´ apposita segnalazione dell´ accaduto al Consiglio Superiore della Magistratra, a distanza di molto tempo, non risulta siano state intraprese azioni al riguardo. Purtroppo, questa è la nostra giustizia.-

10.51  di lunedì 10/01/2011
scritto da  Beatrice
Si dovrebbe fare intrervenire il Ministro Brunetta perche´ direi che si tratta di una impiegata pubblica (avrĂ  avuto il posto di assistente sociale in quanto parente / amica / protetta di qualche politico?) palesemente FANNULLONA - 7 mesi per una relazione sono un dato di fatto - oltrechè da radiare dall´ordine per violazione del codice deontologico per FALSO IDEOLOGICO e USO STRUMENTALE della PROFESSIONE.
Il tipoco esempio di una persona inutile che grava sul bilancio pubblico quindi licenziabile in tronco per manifesta INCOMPETENZA.
MINISTRO BRUNETTA, dove sei???

10.02  di lunedì 10/01/2011
scritto da  antonia
Dire che la condotta della SS è sconcertante è poco!
E´ vergognoso! Gli Italiani sono nelle mani di operatori da strapazzo!
Vergogna vergogna vergogna!
A nulla valgono anche gli ordini professionali, a nulla valgo i tribunali, a nulla valgono le segnalazioni alle ASL!
Questo NON è caos, ma è putridume! Ciò che è più putrido è che il fatto sia davanti a tutti e che, chi potrebbe fare e migliorare, stia a guardare!



1


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti č unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitŕ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio