Adiantum Adiantum su Facebook English Français Deutsch Espanol Class Action
[ ]

L┤IDV e la campagna di disinformazione sulla L. 54 e sulla PAS. Ma il partito approva ?

In Primo Piano


Imposta Adiantum come pagina iniziale Stampa l'articolo Invia l'articolo per Email Aggiungi ai Preferiti


L┤IDV e la campagna di disinformazione sulla L. 54 e sulla PAS. Ma il partito approva ?

20/09/2010 - 23.23

Già da qualche tempo, in merito alla legge 54/2006 e alle sue possibili modifiche, è in atto una campagna di disinformazione ad opera di alcune esponenti dell'IDV. Si tratta di una precisa scelta politica, da non scaricare sulla magistratura chiamata ad accertare l’eventuale fondatezza delle accuse.

Non passa giorno, infatti, che i cori delle donne IDV non si scaglino contro la Sindrome di Alienazione Genitoriale, additata quale strumento diabolico dell'uomo cattivo.

Viene naturale chiedersi se l'IDV approvi che al suo interno alcune esponenti abbiano dichiarato guerra all'affido condiviso tout court, definendolo testualmente "una legge che difende pedofili e femminicidi". Da come ne parlano, sembra che non sia previsto in tutta Italia un solo genitore di sesso maschile che non abbia in programma di abusare dei propri figli e/o uccidere la propria moglie o convivente, in quanto solo a tale scopo sarebbe nata la riforma dell'affido condiviso.

Concorderete, spero, che si tratti di una visione delirante, oltre che denigratoria, fuorviante e gravemente offensiva per il Parlamento che ha approvato la legge ed il 99% di cittadini e cittadine, elettrici ed elettori che con abusi sessuali ed uxoricidi non hanno nulla a che fare.

Alcune frange IDV applicano le stesse dinamiche alla stroncatura della (PAS), un disturbo comportamentale riconosciuto negli ambienti accademici internazionali, di prossima pubblicazione sul DSM V. Siccome la PAS si attiva nelle contese dei figli in sede di separazione, ecco che per alcune donne IDV diventa l’invenzione di un pazzo (Richard A. Gardner, Columbia University's of Physicians and Surgeons, N.Y., colui che per primo la ha classificata nel 1985) ed ancor una volta lo strumento che serve unicamente ai padri pedofili per abusare sessualmente dei propri figli.

Sorprende, inoltre, il curioso accanimento dell'ala femminile IDV nell’usare lo spettro della pedofilia per stroncare, o almeno tentare di farlo, ogni argomento non gradito.

Come mai questa sequela di informazioni distorte, denigratorie, inventate?

Come mai il fantasma della pedofilia viene fatto aleggiare su tutto ciò che ad acune donne IDV non piace, da una legge dello Stato ad una sindrome ampiamente riconosciuta a livello internazionale?

Come mai al varo della riforma (2006) nelle audizioni parlamentari in II Commissione Permanente e nelle dichiarazioni di voto dei rappresentanti di tutto l’arco costituzionale non una sola volta è stata ventilata l’ipotesi del legame tra affido condiviso e devianze sessuali, e tale certezza dilaga solo ora che è divenuta argomento privilegiato IDV?

Come mai una maniacale ricerca del legame con la pedofilia, tirato a forza su argomenti con i quali la pedofilia stessa non ha nulla a che fare?

Quali sono gli interessi nel creare un clima da caccia alle streghe?

Chi cavalca l’onda del terrorismo psicologico, pur se privo della minima fondatezza?

Questa sessualizzazione forzata per generare terrore, questa strana fobia per il sesso sembra essere di stampo clericale, poco adatta ad un partito progressista. Sembra di sentire le più reazionarie fra le alte sfere vaticane, non certo il partito guidato da Antonio Di Pietro.

Le domande, in sintesi, sono due:

1) è al corrente il gruppo dirigente dell'IDV delle strategie messe in atto da alcune esponenti dell’ala femminile, in particolare IDV Toscana?

2) è una scelta politica condivisa da tutti all'interno dell'IDV, sia negli argomenti che nelle strategie di esposizione?

È utile saperlo, per avere degli orientamenti concreti in occasione delle prossime tornate elettorali....


Fonte: Redazione - F. Nestola

Non ci sono allegati per questa notizia



Torna indietro

Questa Notizia Ŕ stata letta 27668 volte
Delegazioni
Dona ad Adiantum

Notizie Correlate


Trentino, in calo il numero dei minori allontanati da casa. In futuro la Rete Prossimale di famiglie

Trento. Indicazioni utili sono emerse al convegno “Minori: migliorare si può?...

11/10/2014 - 14.15
Trentino, in calo il numero dei minori allontanati da casa. In futuro la Rete Prossimale di famiglie

Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Trento. Di recente il Difensore civico, dott.ssa Daniela Longo, ha presentato una...

14/09/2014 - 11.23
Trento, bocciato il DDL 24 su affidamento minori. Maffioletti: il difensore civico si dimetta

Dalle associazioni un manuale contro gli allontanamenti facili dei figli da parte del Sistema

Il documento redatto dal CCDU (Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani), frutto della competenza...

26/08/2014 - 09.51
Dalle associazioni un manuale contro gli allontanamenti facili dei figli da parte del Sistema

Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge

Il Garante per l’Infanzia, Dr. Vincenzo Spadafora, meriterebbe una menzione speciale. Negli ultimi...

13/08/2014 - 08.58
Allontanamenti facili e abusi dei servizi, il Garante Spadafora: tutto ok, il sistema regge

Cognome materno ai figli: la rivoluzione forzata che non piace neanche al PD

"Penso sia necessaria una pausa nella discussione in quanto la legge sovverte regole millenarie....

17/07/2014 - 09.28
Cognome materno ai figli: la rivoluzione forzata che non piace neanche al PD

Bambino di Cittadella: chiesti due anni per la madre. Riconosciuto il maltrattamento psicologico

La vicenda del bambino di Cittadella (infinita come tutte quelle che hanno la sfortuna di essere...

05/07/2014 - 21.16
Bambino di Cittadella: chiesti due anni per la madre. Riconosciuto il maltrattamento psicologico


Le Notizie pi¨ Lette


Inserisci un commento Inserisci un commento


Ci sono 28 commenti


09.46  di marted├Č 21/09/2010
scritto da  Helby
Oggi come oggi un genitore separato onesto e saggio non pu├▓ votare Italia dei Valori.

09.40  di marted├Č 21/09/2010
scritto da  Alessandro MB
Se mai avessi avuti dei dubbi, ├Ę certo che l´IDV non vedr├á il mio voto nemmeno da lontano! Sarebbe bene che anche il PD chiarisse la sua posizione che incredibilmente sembra essere analoga all´IDV.
Le frange sesantottine che hanno fatto cos├Č male all´Italia, e che ora in tanti sono la dirigenza peggiore che si possa immaginare, come un flagello di stupidit├á ha trovato spazio in questi due partiti, e probabilmente nella magistratura.
Probabilmente all´interno di questi partiti c´├Ę gente pi├╣ moderna al passo con i tempi, e pi├╣ progressista, che ragiona, ma sembrano essere una minoranza.
Devono sparire, ed essere relegati ad una misera minoranza, come stanno facendo da soli, ma se lo meritano.

07.54  di marted├Č 21/09/2010
scritto da  Luca
E´ sicuro che io NON VOTERO´ Italia dei Valori!!!!!


1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6


La redazione si riserva di eliminare o correggere i commenti ritenuti offensivi, volgari e volutamente provocatori

Ogni opinione espressa in questi commenti Ŕ unicamente quella del suo autore, si assume ogni responsabilitÓ civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Adiantum manlevata e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Area Riservata - © Adiantum 2008 - 2014 - Codice Fiscale: 97611760584 - Designed by Alessio